Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :
adimage

Omicidio Pascuzzo, emergono i moventi: arrestato un 18enne

/
/
/

Tempo di Lettura: 3 minuti

LAGONEGRO. Nel corso della notte, in seguito ad una serrata e tempestiva attività investigativa, i Carabinieri di Sala Consilina (SA) hanno dato esecuzione al decreto di fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lagonegro (PZ), nei confronti di un 18enne incensurato, apprendista macellaio, ritenuto responsabile dell’omicidio volontario con occultamento di cadavere, pluriaggravato dai futili motivi e crudeltà e della rapina aggravata consumati in danno di Antonio Alexander Pascuzzo, il 19enne di Buonabitacolo (SA) scomparso il 6 aprile scorso, dopo essersi allontanato dalla propria abitazione.

Nel pomeriggio di sabato dopo ininterrotte ricerche partite subito dopo la denuncia della scomparsa del giovane, i militari impegnati insieme con Associazioni di Protezione Civile e Vigili del Fuoco, hanno rinvenuto il cadavere di Antonio Pascuzzo. Il corpo, in avanzato stato di decomposizione, giaceva tra la vegetazione vicina alle rive del torrente “Peglio” di Buonabitacolo. Sul torace e dietro la schiena sono stati rinvenuti 7 fendenti letali.

La località del rinvenimento, insieme ai numerosi elementi indiziari, già raccolti nei giorni precedenti dagli inquirenti, hanno consentito di ricostruire la dinamica del delitto e a trovare incontrovertibili elementi di reità a carico del fermato il quale, anche a seguito dell’interrogatorio dell’Autorità Giudiziaria di Lagonegro (PZ), ha ammesso le proprie responsabilità sull’omicidio, avvenuto nella sera stessa della sua scomparsa.

Alla base dell’accoltellamento la volontà di impossessarsi di un modesto quantitativo di sostanza stupefacente del tipo marijuana, nella disponibilità della vittima. Dopo l’efferato delitto, l’omicida ha trascinato per circa 50 metri il corpo esanime del malcapitato, successivamente gettandolo da un dislivello di circa 5 mt, sul greto del corso d’acqua dove poi è stato rinvenuto. I militari hanno sottoposto inoltre a sequestro l’arma del delitto.

La salma di Antonio Pascuzzo sarà comunque sottoposta ad un esame autoptico nella giornata lunedì. Il giovane fermato è stato associato presso la Casa Circondariale di Potenza mentre ulteriori precisazioni saranno fornite nella conferenza stampa che si terrà martedì 17, alle ore 10:30, presso la sala stampa della Compagnia Carabinieri di Sala Consilina (SA).

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar