Salerno, Sinista Italiana: Pronto il progetto di difesa del litorale

Condividi sui social!

Comunicato stampa


COMUNICATO STAMPA

Grande Progetto di difesa del litorale di Salerno: SUBITO IL TAVOLO DI CONCERTAZIONE PER LA SUA MODIFICA

Con la pubblicazione del decreto dirigenziale regionale n. 241, a firma del dirigente Michele Palmieri, ritorna di attualità la problematica relativa al Grande progetto di difesa del litorale di Salerno ed in particolare del primo lotto relativo alla costa di Pontecagnano Faiano.

Il Tavolo sulle Tematiche Ambientali, istituito nel 2016 dal Consiglio Comunale, aveva recepito all’unanimità di tutte le forze politiche la proposta del Professor Ortolani e aveva dato mandato all’Amministrazione di chiedere al Presidente della Provincia di apportare tali modifiche in moda da renderlo più efficace e meno impattante sulla costa picentina, questo fu confermato dal Sindaco Sica in un articolo del Mattino a gennaio del 2017.

Inoltre, ricordiamo che a settembre del 2016 il Comune di Capaccio aveva formalmente bocciato il progetto per palese incompatibilità ambientale. Nel nostro comune invece ha senso intervenire in quanto l’erosione è più marcata ma il progetto originario introdurrebbe delle criticità ambientali e paesaggistiche tali da rendere ancora meno balneabile in nostro mare senza dare gli sperati miglioramenti dal punto di vista dell’erosione. Questo si evince dalla relazione del prof.

Franco Ortolani che fu coinvolto nei lavori del tavolo proprio da Sinistra Italiana.

A gennaio del 2017 il Presidente Canfora aveva dichiarato al TG3 Campania, recependo le osservazioni venute sia dalle associazioni ambientaliste sia dai comuni interessati al progetto, che era apertoalla modifica del progetto attraverso l’istituzione di un tavolo di concertazione.

A distanza di un anno e mezzo riteniamo ancora valide quelle dichiarazioni e chiediamo con urgenza che la Provincia convochi questo tavolo, coinvolgendo istituzioni e associazioni, per concordare le modifiche necessarie al progetto e fugare dubbi e timori di cittadini e istituzioni.


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *