Hockey pista, l’Under 13 della CH Roller Salerno tra le migliori otto squadre d’Italia

Condividi sui social!

SALERNO. La formazione Under 13 della CH Roller Salerno esce a testa alta dalla finale giovanile del campionato italiano. La società di hockey su pista cara al patron Gianfranco Camisa ha onorato al meglio la competizione disputatasi a Follonica. Pur senza conquistare punti, i ragazzi allenati da Gaetano Ventre e Giuseppe Giudice hanno tenuto testa ad alcune delle realtà più importanti del panorama nazionale hockeistico. Basti pensare che la CH Roller Salerno era nel girone con Valdagno e Follonica, società che si sono scontrate nella finale per il primo e secondo posto.

Un divario tecnico notevole che i salernitani, a tratti, sono riusciti ad annullare con carattere e personalità. Nella gara d’esordio contro i veneti la Roller Salerno era riuscita ad andare all’intervallo sul risultato di 1-1, prima di cedere alla maggior esperienza del Valdagno (8-1 il finale). Buone, nonostante il risultato sfavorevole, anche le prove disputate contro Seregno (3-5) e Follonica (8-2) che hanno fatto calare i titoli di coda su una stagione esaltante per l’Under 13 del sodalizio di piazza Santelmo. I baby hockeisti salernitani, dopo aver dominato il girone meridionale (200 reti segnate e 10 subite), hanno avuto la possibilità di confrontarsi con le altre 7 migliori squadre italiane. Un traguardo importante e che lascia ben sperare in vista del futuro. La società, infatti, sta lavorando intensamente sul settore giovanile, dal quale proverà a ricavare le nuove leve da portare fino alla prima squadra (attualmente militante nel torneo di serie B ). A partire dalla prossima stagione la trafila giovanile sarà arricchita anche dalla formazione Under 15 che andrà ad aggiungersi all’Under 13 e all’Under 11.

A Follonica la Roller Salerno è stata rappresentata da: Manuel Navarra, Isabella Gardini, Giorgio Giudice, Andrea Barone, Marco Berardino Iuorio, Davide Gardini, Mattia Esposito, Lorenzo Ritonnaro, Aldo D’Amicoantonio e Pietro Petteruti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *