Capaccio, consulta sulla sicurezza: incontri con la comunità e la proposta

Condividi sui social!

CAPACCIO. LA CONSULTA SICUREZZA è ormai alla fine di un percorso di riunioni fatte su tutto il territorio. Le assemblee sono state un modo per attuare un confronto diretto con tutti i cittadini del territorio e ascoltare le loro esigenze. La sicurezza parte anche dal fare comunità in un rapporto di mutua collaborazione tra i cittadini e tra questi, l’ente e le forze dell’ordine.

In molti ci stanno chiedendo cosa stiamo producendo con questi incontri tra le contrade.

LA NOSTRA PROPOSTA, ancora in via di definizione, è la seguente :

L’istituzione di un NUMERO VERDE e di un organismo che elabori tutte le informazioni da sottoporre all’attenzione delle forze dell’ordine.

L’individuazione di 3 informatori civili nella qualità di COLLABORATORI DI POLIZIA LOCALE in incognita per Contrada, oltre ad un informatore di polizia locale da utilizzare davanti a tutte le scuole del territorio per segnalare casi anomali e personaggi ambigui.

LA CREAZIONE UNA RETE TRA PRIVATI, AZIENDE E NEGOZI, con gruppi WhatsApp suddivisi per frazioni, dove tutti i cittadini potranno aderire inviando un’email all’indirizzo sicurezzaurbanacapacciopaestum@gmail.com, indicando il proprio nominativo, indirizzo e numero di cellulare su cui attivare il servizio. Ciascun gruppo sarà amministrato e tenuto sotto controllo dalla polizia municipale, che può così decidere quali accorgimenti prendere in base ai messaggi ricevuti e se inviare sul posto una pattuglia.

Una proposta “ADOTTA UNA TELECAMERA” partorita nella riunione della contrada Ponte Barizzo, noi della consulta stiamo elaborando un progetto che supera la problematica legata alla Privacy, con l’installazione, su proposta del cittadino di telecamere VRS (Video Registrazioni di Sicurezza), apparati di videosorveglianza composti da telecamere, che per le loro caratteristiche di riservatezza possono essere disposte all’esterno dei locali puntate sulla strada e non strettamente sugli ingressi come la norma impone, le registrazioni saranno poi raccolte il loco su un NVR proprietario raggiungibile solo dalle Forze dell’Ordine.

PATTO PER LA SICUREZZA DEL NOSTRO TERRITORIO CON LA PREFETTURA messo in campo dal nostro Sindaco, ai sensi del DL 14/2017, con il progetto esecutivo di videosorveglianza fortemente voluto da questa Consulta, già presentato e ammesso a finanziamento per oltre 1.100.000 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *