Emergenza sanitaria in provincia di Salerno: l’appello della Uil Fpl

Condividi sui social!

SALERNO. “La decisione del manager dell’Asl Salerno di assumere nuovo personale e fronteggiare così l’emergenza estiva dimostra un grande apertura da parte dell’Azienda sanitaria che non possiamo non apprezzare”.

Così Donato Salvato, segretario generale della Uil Fpl Salerno, commenta l’esito dell’incontro tenutosi oggi presso la direzione generale di via Nizza, a Salerno.

“È stato un confronto positivo e proficuo, dove ci è stato comunicato che saranno assunti 80 infermieri a tempo determinato e 20 operatori socio sanitari. In questo modo, sul fronte della sanità, l’estate dovrebbe essere più tranquilla per chi è tenuto a garantire il diritto alla salute”.

L’incontro di oggi ha dato seguito a una richiesta della Uil Fpl, che chiedeva al manager Antonio Giordano di intervenire in tempi brevi e garantire i livelli essenziali di assistenza in provincia anche nei prossimi mesi.

“Ci rincuora il fatto che le nostre proposte stavolta non siano cadute nel vuoto. Giordano si è dimostrato persona intelligente ascoltando le proposte di chi prova a garantire una sanità d’eccellenza in provincia di Salerno”, ha continuato Salvato.

“Ora speriamo, come ci ha garantito, che a breve possa confrontarsi con i vertici dell’azienda ospedaliera “Ruggi” per realizzare un piano strutturale di integrazione dei servizi per garantire i livelli di assistenza essenziale ai cittadini salernitani. Inoltre, ci auguriamo che le promesse sul fabbisogno organico dell’Asl diventino realtà da settembre. Stesso discorso vale pure per gli adeguamenti contrattuali riferiti agli arretrati e all’adeguamento degli stipendi, che da 9 nove anni attendono da circa 5.600 operatori sanitari”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *