Salerno: Continua l’impegno della Polizia Ferroviaria per promuovere la cultura della legalità nelle Scuole di primo e secondo grado

Condividi sui social!

Comunicato stampa


Continua l’impegno della Polizia Ferroviaria per promuovere la cultura della legalità nelle Scuole di primo e secondo grado.

Nell’ambito del progetto “Train ….to be cool”, a maggio, gli operatori del Compartimento Polfer per la Campania hanno raggiunto 400 ragazzi di diverse scuole della provincia di Salerno, per sensibilizzarli in merito a quei
comportamenti che possono mettere a rischio la propria e l’altrui incolumità, per una semplice disattenzione o per sfida tra adolescenti.

La campagna di sensibilizzazione sulla sicurezza in ambito ferroviario “Train… to be cool”, promossa dal Servizio di Polizia Ferroviaria del Dipartimento di Pubblica Sicurezza in collaborazione col MIUR, vede impegnato personale della Polizia ferroviaria appositamente formato, che attraverso slides e contributi audio-video illustra agli studenti le problematiche comportamentali riscontrate a bordo treno e nelle stazioni e le norme di sicurezza e di legalità da adottare nel contesto ferroviario.

Nel corso degli incontri formativi, il Sostituto Commissario Angelo Pironti e le Assistenti Capo Francesca Milioto e Gerarda Margarella, anche attraverso il racconto di esperienze lavorative, hanno illustrato ai ragazzi quali sono i
comportamenti più sicuri da tenere in ambito ferroviario, promuovendo la cultura della sicurezza e il senso civico che possono consentire non solo di ridurre al minimo l’incidenza dei reati, ma anche e soprattutto di evitare rischi
e scongiurare possibili incidenti. Gli studenti hanno partecipato con vivo interesse alle lezioni con la Polfer, che si sono trasformate in veri e propri dibattiti sui temi della sicurezza e della legalità.

Il tutto con la collaborazione dei dirigenti scolastici, lieti di offrire ai propri ragazzi un’importante opportunità formativa, che hanno già calendarizzato nuovi incontri per il prossimo anno scolastico.


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *