Eboli: operaio disoccupato sale sul cantiere e minaccia di lanciarsi nel vuoto

Condividi sui social!

EBOLI. Una protesta, la sua, che ha tenuto con il fiato sospeso diversi passanti e costretto allo stop i lavori. V.L., operaio disoccupato, questa mattina alle 6.30 è salito sul cantiere eretto in piazza Regione Campania. Scalate le impalcature, l’uomo ha minacciato di gettarsi nel vuoto.

«Sono quindici giorni che mi prendono in giro. Ho chiesto di essere assunto in prova ma non mi ascoltano», spiega l’uomo, ex sindacalista della Cgil.

In loco i Carabinieri della Compagnia di Eboli, i Vigili del fuoco ed paramedici del 118. Nemmeno il sindaco, giunto in seguito, è riuscito a convincere l’operaio a scendere.

Il tecnico dell’azienda ha tentato di spiegare all’operaio la situazione: «il personale è completo, non facciamo per ora altre assunzioni».

Solo 3 ore e mezza dopo, alle 10.00, i Carabinieri sono riusciti a far scendere l’uomo. I sindacati che hanno commentato la vicenda hanno sostenuto che, nonostante le ragioni della protesta fossero giuste, il metodo è stato totalmente sbagliato.

 

(fonte e foto Il Mattino)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *