Eboli, Campolongo Hospital: La nuova sfida della Uil Salerno è partita

Condividi sui social!

Comunicato stampa


Centro di assistenza fiscale al Campolongo Hospital di Eboli, è partita la nuova sfida della Uil Salerno.

Il segretario generale Donato Salvato: “Segnale positivo. Fare sindacato in un’azienda, vuol dire anche fornire, laddove c’è intesa a e collaborazione con la parte datoriale,  servizi ed assistenza in loco ai lavoratori, e non solo, con uno sportello al quale tutti possono rivolgersi, evitando inutili “pellegrinaggi” a familiari di pazienti che nella maggior parte dei casi, sono residenti fuori provincia  e a volte fuori regione”.

Oggi, presso il Campolongo Hospital di Eboli, si è tenuta l’inaugurazione della sede del Patronato – Caf Uil.

Al taglio del nastro la Uil erano presenti i vertici provinciali del sindacato , con il  segretario generale, Gerardo Pirone, il segretario generale della Uil Fpl Salerno, Donato Salvato, il segretario organizzativo di categoria, Lorenzo Conte, il segretario provinciale della Uil Fpl per la sanità accreditata, Antonio Malangone, e il segretario aziendale della Uil Fpl provinciale per il Campolongo Hospital, Felice Vocca. All’evento ha preso parte anche la dirigenza del Campolongo Hospital, nella persona del direttore generale Gianfranco Camisa e del vice direttore generale Maura Camisa.

L’iniziativa rientra nel progetto “Sentirsi Insieme” che la Uil di Salerno ha promosso d’intesa con la Fpl provinciale e regionale. Un’idea che vuole portare il sindacato tra gli ammalati, le famiglie, gli operatori del comparto, mettendo a disposizione la professionalità e la competenza degli operatori della Uil Servizi di Salerno per il settore “assistenza fiscale” e per le pratiche di tutela, di assistenza e di previdenza con gli operatori dell’Ital di Salerno.

L’apertura dello sportello presso il Campolongo Hospital segue l’iter già da diverso tempo messo in atto presso l’ospedale “Ruggi” di Salerno, dove già si raccolgono anche richieste per altre pratiche amministrative.

“Fare sindacato in un’azienda, vuol dire anche fornire, laddove c’è intesa a e collaborazione con la parte datoriale,  servizi ed assistenza in loco ai lavoratori, e non solo, con uno sportello al quale tutti possono rivolgersi, evitando inutili “pellegrinaggi” a familiari di pazienti che nella maggior parte dei casi, sono residenti fuori provincia  e a volte fuori regione”, hanno spiegato Donato Salvato e Gerardo Pirone, rispettivamente segretario generale della Uil Fpl Salerno e segretario generale della Uil Salerno.

Il Campolongo Hospital, grazie alla sensibilità dei suoi vertici aziendali, ha recepito il messaggio della Uil, mettendo a disposizione, un locale all’interno della struttura, per essere il primo Patronato – Caf, a offrire servizi ai lavoratori, e a quanti, ospiti degenti della clinica hanno bisogno di istruire pratiche o di accedere a servizi.

“Intrattenere rapporti cordiali significa poter intraprendere con il datore di lavoro, momenti di collaborazione e, così come successo con il Campolongo Hospital, condividere e sottoscrivere accordi per mettere a disposizione del lavoratore supporti sindacali e servizi all’interno della struttura,  e non ricercarli altrove”, hanno rimarcato nuovamente i sindacalisti Antonio Malangone e Felice Vocca.


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *