Salerno, emergenza estiva. Scotillo (Fisi): “prove di dialogo tra sindacati e management”

Condividi sui social!

SALERNO. Al termine di una lunga discussione, il Direttore Generale della ASL di SALERNO, ha condiviso le istanze dei sindacati e della FISI-USAE. In particolare è stato rappresentato che bisogna uscire una volta per tutte “dall’emergenza” e che bisogna programmare le nuove assunzioni in base ad un fabbisogno reale delle strutture sanitarie attraverso un piano triennale di assunzioni in base alla dotazione organica.

Da settembre ci saranno tavoli tecnici per individuare le carenze di personale. Nell’immediato, per ridurre al minimo gli accorpamenti di servizi e di reparti ospedalieri, saranno impiegati n 80 unità infermieristiche a tempo determinato e per sei mesi attinti dalla graduatoria vigente della vicina azienda ospedaliera di Salerno. Intanto sono stati consegnati gli elenchi del personale precario della ASL avente diritto alla stabilizzazione e su cui bisognerà trovare un accordo.

“Prove di dialogo – rappresenta Scotillo della FISI- USAE – che vorremo portassero ad azioni concrete ed in cui vengano riportate all’ordinaria amministrazione tutto ciò che è considerato oggi emergenza, a partire da una dotazione organica sufficiente a garantire tutti i servizi sanitari erogabili dal pubblico. In questi giorni saranno convocati tutti i Direttori sanitari della ASL per ridurre al minimo le difficoltà ad utenti e dipendenti, speriamo bene…”

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: