Salerno: Attività “intramoenia” e questione sicurezza. L’appello di Polichetti

Condividi sui social!

Comunicato stampa


Attività “intramoenia” e questione sicurezza, nuovo appello di Mario Polichetti della Fials provinciale al manager del “Ruggi d’Aragona” di Salerno. “Subito un tavolo con tutti i rappresentanti sindacali per rilanciare l’azione dell’azienda universitaria dopo gli ultimi episodi”.

Rilanciare l’operato del “San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona”. A chiederlo è Mario Polichetti, segretario della Fials Salerno, che chiede un confronto al manager Giuseppe Longo allargato a tutte le componenti sindacali dell’azienda ospedaliera universitaria.

Faccio mie le parole del segretario generale della Fials nazionale, Giuseppe Carbone, rivolte al ministro della Salute, Giulia Grillo”, ha detto Polichetti. “Serve ridare speranza alle professionalità del “Ruggi” dopo quando accaduto negli ultimi mesi e questo si può fare solo puntando sulla sicurezza. Serve un lavoro imponente su tutti i reparti, ma in primis sul Pronto soccorso, poiché il settore dell’Emergenza resta sempre il biglietto da visita di un ospedale.

Tutti i presidi devono essere coinvolti”. Nessuna polemica da parte di Polichetti, ma solo l’ennesimo tentativo di attivare una trattativa che porti l’Azienda a diventare protagonista di iniziative che possano essere capofila su tutto il territorio regionale. “Aspettando di vedere la Campania fuori dal commissariamento della Sanità, pensiamo che, anche a livello locale oltre che nazionale, sia giusto affrontare l’adeguamento dell’istituto della libera professione “intramoenia” all’obiettivo dell’abbattimento delle liste d’attesa prevedendo che tale istituto venga esteso anche alle altre professioni sanitarie laureate infermieristiche, tecniche, della riabilitazione e della prevenzione nonché della professione di ostetrica.

Questa discriminazione essendo al pari delle altre professioni sanitarie con laurea magistrale autonome con proprio e specifica campo di attività è palesemente incostituzionale e discriminante mentre la sua estensione permetterebbe specie sul territorio l’avvio concreto ed il potenziamento delle cure primarie e l’abbattimento ancora più massiccio delle liste di attesa. Su questo Salerno può essere d’esempio per tutti.

Siamo certi che su questo il manager Longo su questa la pensa come noi: il diritto alla salute, sancito dalla Costituzione, non può fare passi indietro”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *