Scafati Arancione: “Sappiamo che si sta facendo il massimo, ma sicuramente non è il meglio per gli scafatesi”

Condividi sui social!

Comunicato stampa


Gestione dei rifiuti a Scafati, l’affondo del gruppo “Scafati Arancione”. “La commissione straordinaria faccia affiancare i manager dell’Acse da un esperto in temi ambientali. Si inviti in città Michele Buonomo di Legambiente e si utilizzino più correttamente i social dell’azienda partecipata. In questi giorni parlano troppe persone senza competenza”.

Sarebbe opportuno che il prefetto Giorgio Manari, responsabile della commissione straordinaria del Comune di Scafati, permetta al responsabile social dell’Acse di fare un corso di formazione sull’utilizzo di Facebook e, allo stesso tempo, faccia affiancare il manager Daniele Meriani ad un esperto in temi ambientali”.

Non usa mezzi termini Scafati Arancione, per criticare la gestione dei rifiuti in città. “Sappiamo che si sta facendo il massimo, ma sicuramente non è il meglio per gli scafatesi. Si sta perdendo tempo tra social e incontri con persone che, senza alcuna competenza, possono essere d’aiuto alla società partecipata dell’Ente.

Ma perché non si contatta il presidente di Legambiente Campania, Michele Buonomo, lo si invita a Scafati e si discute con lui su come migliorare la raccolta differenziata e i rapporti con i cittadini? Ma davvero ci vuole tanto a pensare qualcosa di così semplice, che potrebbe dare effetti immediati?”. Infine, la stoccata: “Siamo consapevole che la strada per il ripristino della legalità sia lunga, ma sicuramente non porta all’affidamento di appalti alla Helios, azienda che agli scafatesi non porta sicuramente benefici ma solo problemi infiniti.

Certamente, dal punto di vista tecnico non possiamo essere forieri di consigli, ma basterebbe il buonsenso per evitare autogol clamorosi.

L’Acse deve pensare a gestire i rifiuti trovando soluzioni per rendere meno salata la bolletta dei contribuenti, la polizia municipale a multare chi sversa l’immondizia senza autorizzazioni e i cittadini a rispettare le regole. Si potrebbe optare per le foto trappola in uso in Comuni del circondario e che hanno costi irrisori (poco più di trecento euro). Se ognuno rispettasse questi ruoli penso che le cose migliorerebbero. Quando qualcuno lo capirà allora Scafati sarà un posto migliore. Servono esperti, non tuttologi e leoni da tastiera. Auspichiamo che ci sia un atteggiamento responsabile da parte di tutti”.


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *