A2 del Mediterraneo, rimossi i cantieri di manutenzione per l’esodo estivo

Condividi sui social!

SALERNO. Anche quest’anno, per consentire un esodo estivo tranquillo e senza disagi alla circolazione, sono stati rimossi i cantieri attivi lungo l’A2 “Autostrada del Mediterraneo”.

Da oggi e fino agli inizi di settembre, periodo in cui si registra un notevole aumento dei flussi veicolari diretti verso le località di mare, l’Autostrada A2 è percorribile in entrambe le carreggiate (su due e tre corsie per senso di marcia) lungo l’intero tracciato di circa 432 km, con 150 km di carreggiata con nuova pavimentazione, mentre dieci sono le gallerie rinnovate, tra Cosenza e San Mango D’Aquino.

Altri recenti interventi di nuova pavimentazione con tappeto drenante sono stati eseguiti in Calabria, tra Tarsia e Montalto Uffugo, tra Falerna e Lamezia Terme e tra Altilia e San Mango e in Campania, sui tratti tra Salerno e San Mango Piemonte, Eboli e Battipaglia e tra Padula e Lago Negro.

Le attività di manutenzione programmata che riprenderanno a settembre, rientrano nel Piano organico varato nel 2016 per garantire agli utenti dell’autostrada i migliori standard qualitativi con un continuo innalzamento della sicurezza e del confort di viaggio.

In particolare, nelle tratte calabresi ricomprese tra Cosenza Sud ed Altilia Grimaldi, tra Morano e Sibari e tra Pizzo e Sant’Onofrio, i lavori puntano al risanamento profondo della pavimentazione, alla sostituzione dei giunti di dilatazione, alla protezione passiva del corpo stradale con l’istallazione di barriere paramassi e reti corticali sulle pendici, al restyling delle gallerie con rifacimento degli impianti di illuminazione con tecnologia a Led e il miglioramento delle caratteristiche illuminotecniche. Sono previsti inoltre i lavori di implementazione dei pannelli a messaggio variabile, di regimentazione delle acque, di ripristino corticale dei calcestruzzi ammalorati dei tombini, dei cavalcavia (nello specifico lungo gli svincoli di Rogliano, Pizzo e Sant’Onofrio) e di integrazione delle recinzioni autostradali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *