Salerno: ferragosto drammatico per 200 operai, Castellabate unica nota positiva

Condividi sui social!

Salerno. “Per circa 200 addetti ai rifiuti sarà il Ferragosto più brutto degli ultimi 10 anni. Da IsoAmbiente, al Consorzio di Bacino, alla Yele, infatti, la storia è sempre la stessa: vincono la burocrazia e la cattiva politica che hanno portato i rifiuti a essere il male assoluto della provincia di Salerno”. Così Angelo Rispoli, segretario generale della Fiadel provinciale, chiede al mondo delle istituzioni di fare una riflessione sul sistema dei rifiuti nel Salernitano. “Eravamo la zona della differenziata per eccellenza e ora ci ritroviamo con un Stir a mezzo servizio e società piene di debiti o fallite che non possono assicurare nulla a chi, per anni, ha speso la propria vita in un cantiere. Il Consorzio di Bacino e la IsoAmbiente vedono più di 100 lavoratori senza un futuro certo, mentre altri da qualche settimana sono in ferie forzate perché l’azienda è stata dichiarata fallita. La colpa è ovviamente della politica, che ha partorito i Consorzi di Bacino facendoli a diventare scatole vuote buone solo per le poltrone dove inserire gli amici di sempre. Mi auguri che gli Enti d’Ambito, chiamati ora a sostituirli, non facciano la stessa fine”.

Eppure qualcosa si muove per Rispoli, come dimostra l’esempio che arriva dalla terra di Benvenuti al Sud. “Costabile Spinelli, sindaco di Castellabate, ha fatto della differenziata uno stile di vita. Ha subito risposto all’appello che gli avevamo lanciato e si è prodigato per dare un segnale ai 23 lavoratori dell’ex cantiere della Yele”, ha spiegato il segretario della Fiadel provinciale. “Forse agli occhi di qualcuno è poco, ma in uno scenario dove le risposte sono veramente poche questo è un segnale da non sottovalutare. Servirebbero più sindaci così e non persone che si ricordano di lavoratori e cittadini solo quando c’è da votare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *