Capaccio-Paestum: pericolosa nube tossica dovuta ai pesticidi, 3 persone in ospedale

Condividi sui social!

Capaccio-Paestum. Una pericolosa nube tossica formatasi da pesticidi e diserbanti irrorati sulle colture e che il vento ha disperso nell’aria, tre persone sono finite in ospedale, tra cui una bambina. È accaduto in località Gueglia, nella contrada a vocazione agricola di Gromola, a Capaccio Paestum.

Diverse le chiamate pervenute al 118 da parte di persone che accusavano forte bruciore ad occhi e gola. Sul posto sono intervenute tempestivamente tre ambulanze medicalizzate della Croce Rossa e dell’Asi di piazza Santini, che hanno dovuto trasportare i pazienti in ospedale, compresa una minorenne. Racconta il sindaco Francesco Palumbo:

«Siamo intervenuti prontamente sul luogo dell’accaduto, con gli agenti della polizia locale, che hanno eseguito un sopralluogo insieme ai vigili del fuoco e ai carabinieri forestali delle Stazioni di Foce Sele ed Agropoli. Ovviamente, sono giunti immediatamente sul posto anche i funzionari dell’Arpac, che hanno effettuato i prelievi sul terreno incriminato per verificare la tipologia di prodotto utilizzato e il relativo grado di tossicità. Le prime attività investigative hanno consentito di individuare il responsabile di tale azione, che è stato deferito all’autorità giudiziaria. Dal nostro canto, attendiamo i risultati dell’Arpac per prendere i dovuti provvedimenti, al fine di evitare che queste scellerate azioni vengano ripetute anche in futuro».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *