Nocera Inferiore, muore in seguito a caduta da capannone: indagato l’amico

Condividi sui social!

NOCERA INFERIORE. La morte di Antonio Cerrato, 64enne dipendente della Nocera Multiservizi, vede una persone iscritte nel registro degli indagati per omicidio colposo. La Procura ha infatti aperto un fascicolo sul caso, inserendo tra i nomi anche quello di un amico della vittima, un 58enne, presente al momento della tragedia verificatasi in via Prisco Palumbo.

Gli inquirenti adesso cercano di ricostruire gli ultimi attimi di vita di Cerrato. L’uomo, insieme all’amico, aveva appena finito di lavorare. Erano le 16.30 circa quando il 64enne è precipitato dal capannone, che a quanto pare era di proprietà del suo collega 58enne.

Mentre tornavano da lavoro hanno deciso di fermarsi nei pressi della struttura, sulla quale si stavano effettuando dei lavori di restauro. Cerrato avrebbe chiesto all’amico di dare un’occhiata. Una volta all’interno si è arrampicato sul tetto. Da lì a poco, la caduta fatale per il 64enne, che ha poggiato i piedi su una lastra di plexiglass che ha ceduto, facendolo precipitare per 6 metri.

Sul posto i soccorsi, ma per l’uomo prossimo alla pensione non c’è stato nulla da fare.

 

(fonte e foto Il Mattino)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *