Scafati, troppi incidenti in via De Gasperi: il gruppo “Arancione” lancia l’allarme

Condividi sui social!

SCAFATI. “Non si può aspettare di piangere un altro morto prima di vedere installata la segnaletica verticale e orizzontale. Quello di via De Gasperi è uno degli incroci più pericolosi della città di Scafati. L’ennesimo incidente avvenuto ieri sera lo dimostra”. Così Francesco Carotenuto, portavoce di Scafati Arancione commenta l’ennesimo schianto che ha visto protagonista un ragazzo in sella a uno scooter e ha riportato ferite tali da disporre il ricovero all’ospedale di Nocera Inferiore.

“Quello di ieri è solo l’ultimo di un lungo elenco di incidenti che poteva essere evitato. All’altezza dell’incrocio, sia lungo via de Gasperi, sia da via Tricino verso via de Gasperi, non c’è segnaletica verticale e orizzontale, il semaforo è spento e la zona molto spesso si presenta buia. In più, sono anni che chiediamo l’installazione di autovelox e di ammodernamento delle telecamere. Capisco tutti i problemi, ma i commissari straordinari davvero possono pensare di permettere tutto questo? Mi appello al loro buon senso”.

Una situazione insostenibile di cui Carotenuto si fa portavoce dopo le tante istanze ricevute dai residenti della frazione di San Pietro.

“La gente ha paura di uscire dopo le 20 perché quella diventa terra di nessuno con le auto e gli scooter che sfrecciano in barba a ogni regola del codice della strada. Questo non può essere permesso. Ecco perché se entro un tempo ragionevolmente breve non si disporrà il rifacimento della segnaletica lo faremo noi, attuando il metodo fai da te e apponendo strisce e segnali in modo autonomo. Ci denuncino tutti, ma qui la gente è stanca e non vuole più piangere perché lo Stato dimentica il proprio ruolo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *