Salerno, infermieri aggrediti al Ruggi: le parole di Polichetti

Condividi sui social!

COMUNICATO STAMPA.

SALERNO. Un Comitato per l’Ordine e la sicurezza pubblica per fare chiarezza sul caso “Ruggi” e le ultime aggressioni al personale medico e infermieristico dell’ospedale di Salerno. A chiederlo è Mario Polichetti, sindacalista provinciale della Fials Medici, che torna a chiedere garanzie sulla tutela degli operatori del plesso di via San Leonardo dopo gli ultimi episodi avvenuti nella struttura.

Salerno, infermieri aggrediti al Ruggi: le parole di Polichetti

“Dispiace ripeterci, ma che qualcosa in questo senso non andasse lo avevamo già denunciato il 2 aprile scorso. In quell’occasione chiedemmo una commissione specifica al direttore generale Giuseppe Longo, ma fummo etichettati come i soliti speculatori e disfattisti. Ora, con l’estate quasi in archivio, il problema si ripropone. Non è mio costume fare polemiche, ma se si desse vita a una programmazione più strutturata forse si finirebbe di vivere nell’emergenza perenne anche nell’affrontare questi problemi”.

Per Polichetti, dunque, ora serve un’azione sinergica tra sindacati e direzione generale del “Ruggi”. “Questa non deve essere una battaglia di pochi, ma di tutti i coloro che lavorano all’interno dell’ospedale di Salerno.

Non si può rischiare di essere picchiati o aggrediti verbalmente solo perché si prova a essere professionali durante lo svolgimento delle proprie mansioni.

Ecco perché chiedo ai colleghi sindacalisti delle altre sigle di azzerare le polemiche degli ultimi giorni e sostenere la battaglia del direttore generale Giuseppe Longo, persona preparata e intelligente. Si chieda la convocazione di un Comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza specifico sulle condizioni in cui si è costretti al lavorare e in questo modo si sensibilizzino le istituzioni a fare qualcosa. Il gioco di squadra paga sempre e noi siamo al fianco del direttore Longo. Ci auguriamo che un segnale simile arrivi dagli altri sindacati”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *