Napoli, Vomero: all’alba cade un albero in via Puccini. Dramma sfiorato

Condividi sui social!

Comunicato stampa


Vomero: all’alba cade un albero in via Puccini

Senza interventi rapidi ed efficaci l’episodio potrebbe non rimanere isolato

” Bisogna che gli uffici competenti si adoperino con l’urgenza del caso con interventi rapidi ed efficaci, partendo da un’indagine accurata su tutte le alberature presenti lungo le strade e le piazze del popoloso quartiere collinare, dove stamani, intorno alle sette, anche a ragione del forte vento, un albero di alto fusto, in via Puccini, nei pressi dell’ingresso principale del liceo Sannazaro, si è schiantato al suolo, danneggiando un’autovettura.

Per fortuna, a quell’ora nessuno si trovava a passare in quella strada, altrimenti avrebbe potuto ripetersi una tragedia che, purtroppo, al Vomero si è già vissuta in passato “. A segnalare i gravi problemi che affliggono le alberature stradali al Vomero è ancora una volta Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, che, anche attraverso il suo blog, ha più volte sollecitato gli uffici competenti a intervenire, senza però che si siano riscontrate risposte operative alle sue numerose segnalazioni.

” Gli alberi di acacia presenti in via Puccini sono afflitti da molti degli stessi problemi delle altre essenze arboree, per lo più platani, che si trovano nelle strade del quartiere – puntualizza Capodanno -. La mancanza di una potatura, effettuata nei tempi e con le modalità opportune, ha prodotto che le alberature poste lungo i marciapiedi di strade e piazze, sono cresciute a dismisura sia in altezza che in larghezza, raggiungendo anche i piani alti degli edifici. In giornate ventose, come quella odierna, la forza esercitata lateralmente dal vento, tende a piegare il tronco. A quel punto l’albero, specialmente se afflitto da patologie, non curate, che ne hanno minato la resistenza, può o spezzarsi o addirittura essere divelto dalla base, abbattendosi a terra con tutto il peso di tronco e rami, con conseguenze immaginabili “.

” Una situazione non nuova – aggiunge Capodanno -. Rimanendo in via Puccini, sono diverse le fonti d’albero  dove le acacie, presumibilmente malate, sono state tagliate, lasciando solo le ceppaie. Ma anche gli alberi rimasti andrebbero monitorati, in particolare quelli posti nei pressi dell’altro plesso scolastico che si trova in detta strada, il cui tronco presenta attualmente un inclinazione, presumibilmente anch’essa determinata dalle raffiche di vento “.

” Non va meglio nelle altre strade del Vomero – prosegue Capodanno -. Solo per esemplificare, in via Luca Giordano, nel tratto posto tra via De Mura e piazza degli Artisti, si osservano altri due alberi palesemente morti, privi di foglie con il solo tronco e i rami, rispettivamente all’altezza dei civici 136 e 164. Il secondo con il tronco praticamente privo di corteccia, presenta anche delle profonde lesioni longitudinali. Andrebbero, dopo le indagini del caso, rimossi, accertando anche i motivi della morte di diverse alberature in quel tratto di strada “.

” E’ notorio – infatti – che oltre che attaccati dal cancro colorato, che ne ha provocato la decimazione, i platani del Vomero sono da lustri infestati da colonie di un insetto, una tingide, il cui nome scientifico è Corythucha ciliata, la cui femmina si riproduce al ritmo di 200 uova per ogni ciclo della durata di 45 gironi, nascondendosi per riprodursi sotto la corteccia dell’albero. Nonostante le numerose segnalazioni effettuate da anni, non si è mai provveduto a debellare il parassita, che potrebbe essere eliminato con metodi naturali, come dimostrano studi scientifici, condotti al riguardo da istituti specializzati “.

Capodanno sulla situazione complessiva del già scarno verde pubblico a disposizione degli abitanti del Vomero, che, se si esclude la villa Floridiana – anch’essa da tempo afflitta da problemi agli alberi, con zone ancora interdette ai visitatori -, è costituita essenzialmente dalle alberature stradali, ancora una volta richiama l’attenzione delle autorità competenti, affinché vengano attivate, in tempi rapidi, tutte le iniziative del caso per la loro tutela e salvaguardia, garantendo nel contempo la sicurezza dei cittadini.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *