Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :

25 Aprile Festa della Liberazione, cosa si festeggia e commemora realmente?

Home / News / Campania / 25 Aprile Festa della Liberazione, cosa si festeggia e commemora realmente?
/
/
/
TAG:

Il 25 aprile, giorno tanto caro a noi italiani perchè giorno di festa nazionale, il giorno della liberazione. Ma cosa festaggiamo precisamente? Liberazione da chi o da cosa?

l’Italia festeggia ogni anno la liberazione dal nazifascismo, avvenuta nel 1945. La data scelta per ricordare l’evento è quella del 25 aprile: un giorno che non coincide con la sconfitta delle truppe mussoliniane e hitleriane (formalizzata solo il 29 aprile con la resa di Caserta), ma che, quell’anno, diede vita a una transizione decisiva che portò alla liberazione di Milano e alla ripresa del Nord del paese (il Sud era già in mano agli Alleati).

Il 25 aprile 1945 il Comitato di liberazione nazionale Alta Italia (Clnai), che coordinava i diversi gruppi della Resistenza nel Nord, deliberò infatti un ordine di insurrezione generale nei territori ancora schiacciati dall’occupazione. Gli occupanti avevano solo una scelta: “Arrendersi o perire”, come da proclama lanciato alla radio. Il piano coordinato dei partigiani portò alla liberazione dei due maggiori capoluoghi del Nord, Milano e Torino, e alla fuga di Benito Mussolini.

La festa della Liberazione venne istituita un anno dopo. Il 22 aprile del 1946 il governo provvisorio guidato dal democristiano Alcide De Gasperi stabilì con un decreto che il 25 aprile sarebbe stata festa nazionale. La scelta venne confermata con la legge ordinaria del maggio 1949 concernente le “Disposizioni in materia di ricorrenze festive”.

L’importanza della festa è stata sottolineata anche dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella in un discorso nel 2015, in occasione del 70esimo anniversario della ricorrenza. “La Liberazione è un punto di connessione della storia del nostro popolo”, ha detto il capo di stato. “Pietà per i morti, rispetto dovuto a quanti hanno combattuto in coerenza con i propri convincimenti: sono sentimenti che, proprio perché nobili, non devono portare a confondere le cause, né a cristallizzare le divisioni di allora tra gli italiani”.

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar