Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :
adimage

Salerno, “Bella ciao” copre la “Preghiera per la Patria”. Casciello (Fi): “25 aprile usato per fare campagna elettorale”

img
/
/
/

Tempo di Lettura: 2 minuti

SALERNO. «Con pieno rispetto istituzionale ho partecipato alle celebrazioni del 25 aprile: festa della libertà, patrimonio di tutti gli italiani. Ringrazio il Prefetto di Salerno, dott. Francesco Russo per il suo intervento autorevole e da uomo delle istituzioni. Resta però ancora lunga la strada da percorrere perché questo giorno non sia una pretesa e una rivendicazione di parte della sinistra”.

Il sindaco di Salerno e il presidente della Provincia non hanno rinunciato a trasformare la celebrazione del 25 aprile in un comizio elettorale rappresentando l’Italia come un Paese ad un passo dal regime dittatoriale e insistendo, tra l’altro, su “valori non negoziabili”. E che dire del momento inaccettabile in cui da una parte del pubblico è stata intonata “Bella Ciao” coprendo la preghiera per la Patria: scelta certo non casuale… Eh no, anche per il 25 aprile, cari sindaco e presidente della Provincia, solo la verità non è negoziabile, non i “valori” di ciò che resta della sinistra italiana». È quanto afferma il deputato di Forza Italia, Gigi Casciello.

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar