Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :
adimage

Maxi rissa al carcere di Poggioreale, coinvolti circa 40 detenuti

img
/
/
/

Tempo di Lettura: 2 minuti

Maxi-rissa scoppiata in mattinata al primo piano del Padiglione Milano del Carcere di Poggioreale, a Napoli, che ospita circa 90 dei 300 detenuti del Padiglione.

Armati di rudimentali bastoni e punteruoli e di sgabelli, si sono affrontati un folto gruppo di detenuti algerini e di detenuti del napoletano. La notizia è stata resa nota dal Sappe, Sindacato autonomo di Polizia Penitenziaria. La rissa ha coinvolto una quarantina di detenuti che si contendevano la supremazia del reparto.

«La polizia penitenziaria – afferma il segretario del Sappe Campania, Emilio Fattorello – è intervenuta riuscendo a contenere i detenuti responsabili degli scontri» I rivoltosi sono stati chiusi nelle celle ed i feriti curati, Il Sappe sottolinea che la Casa Circondariale di Poggioreale registra un sovraffollamento di circa 1000 detenuti ed è destinato a raggiungere a breve un totale di 2300/2400 detenuti.

«La situazione – afferma il segretario generale del Sappe, Donato Capece si è notevolmente aggravata». «Gli eventi critici avvenuti nel primo semestre del 2019 – secondo il Sappe – sono inquietanti: 5.205 atti di autolesionismo, 683 tentati suicidi, 4.389 colluttazioni, 569 ferimenti, 2 tentati omicidi. I decessi per cause naturali sono stati 49 ed i suicidi 22. Le evasioni sono state 5 da istituto, 23 da permessi premio, 6 da lavoro all’esterno, 10 da semilibertà, 18 da licenze concesse a internati».

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar