Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views :

Pontecagnano Faiano: opposizione contro la linea di compostaggio adottata

Home / News / Campania / Pontecagnano Faiano: opposizione contro la linea di compostaggio adottata
/
/
/

Nell’ultimo consiglio comunale è emersa ancora una volta una linea granitica della maggioranza di
perseverare sulla linea dell’Impianto di Compostaggio di tipo INDUSTRIALE nella nostra zona industriale.
L’impianto in questione, come si legge nel protocollo d’intesa siglato con il sindaco di Giffoni Valle Piana è
di tipo anaerobico ed è programmato per trattare le 30.000 ton/anno, mentre la nostra comunità produce
secondo fonti ISPRA, non più di 4.000 ton/anno di frazione umida organica.
La proposta che ci sembra condivisibile dei consiglieri di maggioranza Silvestri e Citro di creare un
comitato tecnico scientifico per coinvolgere nel dibattito una serie di soggetti ed allargare a tutti la
programmazione di questa scelta è stata messa da parte.
Ribadendo la nostra contrarietà per un’incompatibilità territoriale con tale tipologie di impianti
sovradimensionati, facciamo appello a tutti i consiglieri comunali di maggioranza e di opposizione di cercare
ancora una linea di dialogo con i cittadini e con gli imprenditori che potrebbero essere danneggiati da tale
insediamento.

Vogliamo disinnescare Sardone ed Ostaglio che sono alle porte della nostra città ma vogliamo anche non
portarci in casa un impianto che per dimensioni e tipologia è destinato ad andare in difficoltà. Per noi, per il
nostro gruppo di cittadini e per il movimento politico alla quale ci ispiriamo gli impianti servono ma vanno
pensati e costruiti in territori adeguati ad ospitarli.
Riportiamo brevemente una dichiarazione del nostro Ministro Sergio Costa che dimostra come sempre una
grande sensibilità e attenzione rispetto ai territori: “ dico sì agli impianti, però quelli che servono: innanzitutto
quelli di compostaggio, soprattutto al Sud. Lavorano l’organico, che è la gran parte del rifiuto da trattare, e quello
con maggiore impatto per i cittadini: cattivi odori, percolato… Servono impianti di compostaggio di prossimità ,
con un sistema a stella: quelli più piccoli vicino a dove il rifiuto viene conferito . Ne ho già parlato con gli
industriali del settore del compostaggio e concordano in pieno”( 25 Luglio 2019)

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar