Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views :

Emergenza Fiume Sarno, Vicinanza (Cisal): “Non ci si dimentichi del tema lavoro”

Home / News / Emergenza Fiume Sarno, Vicinanza (Cisal): “Non ci si dimentichi del tema lavoro”
/
/
/

Emergenza Fiume Sarno, l’appello di Gigi Vicinanza della Cisal: “Non ci si dimentichi del tema lavoro. Per un imprenditore scellerato che agisce c’è un lavoratore che resta senza impiego. I sindaci invitino le parti sociali all’appuntamento che si terrà in Regione Campania il 4 ottobre”.

“Siamo contenti che i sindaci dell’Agro abbiano unito le forze per il fiume Sarno. Ma come sindacalista lancio un appello agli amministratori locali: il prossimo 4 ottobre dal Governatore Vincenzo De Luca serve anche l’apporto delle organizzazioni che tutelano i lavoratori. Questa è anche una loro battaglia, perché se le aziende chiudono per imprenditori disonesti a pagarne le spese sono loro. Dunque chiedo al sindaco Cristoforo Salvati, primo cittadino di Scafati, di avviare un discorso con le parti sociali per fare davvero rete su questa tematica”.

A lanciare l’appello è Gigi Vicinanza, sindacalista della Cisal provinciale, dopo l’incontro avuto nei giorni scorsi tra i sindaci di Scafati, Nocera Inferiore, San Marzano sul Sarno, Castel San Giorgio, Roccapiemonte, Nocera Superiore e Mercato San Severino.

“Sono contento quando leggo di sindaci convinti di dover passare finalmente all’azione per pretendere che le istituzioni competenti facciano tutto quanto è necessario, e al più presto, per completare il processo di disinquinamento del fiume Sarno, fonte di una gravissima emergenza ambientale che interessa tutti.

Ma non dobbiamo dimenticarci del tema lavoro. Per un imprenditore disonesto che chiude la sua fabbrica c’è un operaio senza lavoro. In Regione Campania, il prossimo 4 ottobre, ci dovrà essere anche una delegazione sindacale e per questo confermo la mia disponibilità a sostenere i sindaci in questa battaglia. Va fatta sentire la voce, oltre che dei cittadini, anche dei lavoratori che nulla possono davanti alle scelte scellerate dei loro “padroni”.

Vogliamo condividere lo stesso obiettivo e non essere relegati a un ruolo di comprimari. Ecco perché chiedo al sindaco Salvati di estendere l’invito, oltre che alla Cisal, anche alle altre sigle sindacali della provincia”.

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar