Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views :

Angri, incatenata in protesta davanti al Tribunale: donna chiede arresto del figlio

Home / News / Cronaca / Angri, incatenata in protesta davanti al Tribunale: donna chiede arresto del figlio
/
/
/

ANGRI/NOCERA INFERIORE. Si è incatenata davanti al Tribunale di Nocera Inferiore per protesta, l’obiettivo quello di ottenere l’arresto del figlio 30enne. L’episodio ieri, quando una donna di Angri ha richiesto l’intervento delle forze dell’ordine per ammanettare il giovane che, secondo quanto detto dalla madre, avrebbe tentato di far saltare in aria il condominio dove abitavano.

Il 30enne, nella notte di martedì, era riuscito a forzare l’ingresso della casa della madre, piazzando una bombola a gas all’interno e pronto a far esplodere l’intera abitazione. Furono proprio le forze dell’ordine ad evitare il peggio, bloccando ed arrestando l’uomo che, però, è finito ai domiciliari, nella stessa casa dei parenti.

Da qui è scaturita la protesta della donna che, ieri mattina, si è incatenata all’ingresso del Palazzo di Giustizia di Nocera Inferiore, chiedendo aiuto. Il figlio, ha spiegato la donna, è affetto da problemi psichiatrici ed in attesa di essere giudicato per altri due reati, due rapine commesse ad Angri all’inizio dell’anno.

I carabinieri della sezione Polizia Giudiziaria della Procura hanno ascoltato dunque la madre disperata. Nel pomeriggio il Gip ha accolto la richiesta della procura, dando così il via libera agli uomini dell’Arma per il trasferimento del 30enne in carcere.

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar