Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :

Vietri sul Mare: Rapinano padre e figlio disabile: arrestati

Home / News / Cronaca / Vietri sul Mare: Rapinano padre e figlio disabile: arrestati
/
/
/

I Carabinieri della Stazione di Vietri sul Mare, coadiuvati da militari della Sezione Radiomobile, hanno tratto in arresto due minorenni con precedenti di polizia, i 16enni P.V. di Salerno e M.L.P. di Vietri, con l’accusa di rapina aggravata in concorso.

Il 27 dicembre u.s. i due malfattori, armati di pistola e coltello, fermavano in località Dragonea un 53enne vietrese assieme al figlio invalido 20enne in sedia a rotelle, intimandogli di consegnare i preziosi in loro possesso.

Al diniego dei due, i malviventi si scagliavano con violenza, percuotendo il padre con il calcio della pistola e scaraventando a terra il figlio (lesioni rispettivamente poi computate in 10 e 3 giorni), quindi dandosi alla fuga asportando solo un orecchino in oro.

Le vittime segnalavano subito l’accaduto alla Centrale Operativa di Salerno che provvedeva ad inviare personale della Stazione di Vietri sul Mare, successivamente supportata dalla Sezione Radiomobile.

L’approfondita conoscenza del territorio da parte dei Carabinieri di Vietri sul Mare portava i militari ad individuare velocemente la probabile via di fuga dei malviventi, che venivano repentinamente bloccati in Via Teresara.

Nonostante i malfattori si fossero disfatti delle armi e della refurtiva, la loro identificazione quali responsabili materiali dell’evento criminoso è stata sicura e precisa: un esempio di efficienza istituzionale e rapida risoluzione di un grave episodio antisociale.

I minori sono stati quindi arrestati su disposizione dell’Autorità Giudiziaria e quindi associati al CPA di Salerno, in attesa del giudizio di convalida previsto per la data odierna.

I Carabinieri ricordano che l’impegno nel contrasto di tutte le condotte antisociali deve essere sostenuto dalla cooperazione del cittadino nel rifiutarle e nel denunciarle, con consapevolezza dell’alto senso civico che tali azioni comportano.

 

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar