Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :

Lega, niente elisoccorso per tre province, Vuolo attacca: “Record negativo”

Home / News / Campania / Lega, niente elisoccorso per tre province, Vuolo attacca: “Record negativo”
/
/
/
TAG:

Niente elisoccorso per le province di Salerno, Benevento e Avellino. L’europarlamentare Lucia Vuolo attacca: “Record negativo, non si mette a rischio la vita delle persone per propaganda elettorale” 

“La decisione di privare le province di Salerno, Benevento e Avellino del servizio di elisoccorso attivo a Pontecagnano Faiano è la dimostrazione che la sanità campana non ha ancora archiviato l’era del commissariamento”.

Così Lucia Vuolo, europarlamentare della Lega, commenta la decisione dell’Asl Napoli 1 che, dal 23 gennaio scorso, ha sospeso il servizio di elisoccorso in provincia di Salerno, che serviva anche i territori di Benevento e Avellino, per potenziare il servizio notturno dell’area napoletana e, in particolare, di Capri. “Se questo è il modo di gestire la sanità siamo davvero a un punto di non ritorno – ha detto la Vuolo -. In questo modo si scopre un territorio che conta 1.797.526 di abitanti.

Di chi sarà la colpa se ci troveremo davanti a delle tragedie annunciate? Capisco la smania di voler fare campagna elettorale, ma privare tre province di un servizio che era attivo dal 2002 è davvero un record negativo che questa amministrazione regionale aggiunge a quelli già ottenuti in questi mesi”. Una questione su cui la Vuolo si aspetta subito un dietrofront da parte degli organi preposti: “Il diritto alla salute va garantito. Se c’è bisogno di un altro elicottero sulla provincia di Napoli si eliminino gli sprechi che in questi anni la buona politica ha denunciato in Regione e si ripristini subito il servizio sospeso dal 23 gennaio scorso – ha continuato l’europarlamentare -.

Non si possono accettare scelte dall’alto, per mere strategie elettorali, che mettono a rischio la vita della gente. In questo modo un cittadino del Cilento, della Costiera amalfitana, della bassa Irpinia o dell’Alto Sannio sono già condannati a morte per un servizio indispensabile che ci dimostra come la Campania non sia uscita dal commissariamento della sanità”.

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar