Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :

Salerno: “… E fuori nevica” di Salemme al Teatro Arbostella

Home / News / Salerno: “… E fuori nevica” di Salemme al Teatro Arbostella
/
/
/
TAG:

SALERNO. E’ un fine gennaio inizio febbraio ricco di risate al Teatro Arbostella di Salerno. “…E fuori nevica!” la commedia teatrale in due atti, scritta da Vincenzo Salemme, su un’idea di Enzo Iacchetti, che riscosse un successo sbalorditivo sin dalla sua prima rappresentazione, risalente al 1995 è in scena sul palco della struttura di Viale Verdi. Uno dei capolavori di Salemme è dunque la ciliegina sulla torta del cartellone di teatro comico dell’Arbostella a firma del decano regista Gino Esposito. E proprio lo stesso Esposito ha voluto lasciare intatta la regia del maestro Salemme impugnando le redini, nell’occasione, di vero e proprio direttore artistico dello spettacolo scegliendo i protagonisti, le caratteristiche, le tematiche e le modalità di svolgimento ma lasciando intatto il meccanismo perfetto creato dall’attore-autore partenopeo. Anche i personaggi sono stati diretti con dedizione ed equilibrio facendo in modo che non si sconfinasse nella copia dell’originale ma interpretando loro stessi e i loro umori al cospetto del testo.

La trama narra la storia diEnzo (interpretato da Giovanni Bonelli), musicista di scarso livello, di Cico (Andrea Avallone), affetto da una strana forma di autismo e Stefano, (Francesco Delli Priscoli) “il normale”, ossessionato da un eccessivo senso di responsabilità. Tre fratelli senza padre che li lasciò quando erano piccoli. La madre, morta da poco, ha lasciato ai figli una discreta eredità da dividere in tre parti uguali ponendo, però, una condizione: Enzo e Stefano si prenderanno cura per sempre del loro sfortunato fratello Cico. Questa è la partenza della commedia che si svolgerà in due atti, sempre all’ interno della casa materna, coprendo un arco di tempo immaginario che va dal 20 agosto al 20 settembre, tutta giocata sulle difficoltà di una convivenza coatta e sulla incompatibilità di tre caratteri così diversi tra loro. Cico, con la sua strana pazzia che lo rende imprevedibile, si sdoppia continuamente immedesimandosi di volta in volta in un personaggio diverso. Enzo, pigro e indolente, giocatore di cavalli, gigolò di provincia, non ha nessuna intenzione di stare dietro a quello strano fratello che vede scendere la neve d’estate, che mangia puré in quantità industriale e pretende di essere accompagnato al bagno per fare i bisogni. Stefano dovrà sposarsi tra un mese, innamorato pazzo, terrorizzato dall’idea che il matrimonio possa saltare, cerca di mettere in riga Enzo, imponendogli dei turni di assistenza per Cico, così da rispettare le ultime volontà della madre. Al terzetto si unirà la figura del notaio (Franco Montinaro)che dovrà sbrogliare la matassa burocratica restando ingabbiato però nelle paranoie familiari.

Riuscirà l’innato legame fraterno a tenere uniti i tre personaggi contrastanti? Enzo e Stefano si libereranno di Cico o vincerà l’affetto che li lega a lui? Soltanto venendo al teatro si potrà sciogliere l’interrogativo.

La parte audio/luci sarà curata da Alessio Zielinsky, al trucco ci sarà Annamaria Apicella. Gli effetti pittorici a cura di Enzo Galdo andranno ad arricchire la scenografia costruita dalla C.M.C. Group. Direttrice di scena Liliana Senatore.

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar