Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :

Napoli, proteste contro il coprifuoco. De Luca: “guerriglia organizzata, continuiamo con linea di rigore”

Home / News / Campania / Napoli, proteste contro il coprifuoco. De Luca: “guerriglia organizzata, continuiamo con linea di rigore”
/
/
/

Tempo di Lettura: 3 minuti

CAMPANIA. Sono passate poche ore dagli episodi della nottata di ieri, a Napoli, dove la protesta pacifica contro il coprifuoco si è trasformata in pochi minuti in un vero e proprio scontro tra gruppi violenti e forze dell’ordine.

Il Governatore della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha affidato ad un post di Facebook le proprie considerazioni al riguardo, a partire da una condanna contro coloro che hanno scatenato la guerriglia in città.

“Ieri sera si è assistito a Napoli a uno spettacolo indegno di violenza e di guerriglia urbana organizzata, che nulla ha da spartire con le categorie sociali. Ieri si applicavano le stesse ordinanze a Milano, Roma e Napoli. E mentre a Milano e Roma le città erano deserte nel rispetto delle norme, a Napoli c’erano violenze e vandalismo. Alcune centinaia di delinquenti hanno sporcato l’immagine della città”.

Importante però distinguere i cittadini responsabili e pacifici dai gruppi violenti che hanno innescato gli scontri.

“I protagonisti di questi episodi non hanno nulla a che fare con le categorie economiche e con i cittadini napoletani che hanno dato in questi mesi una prova straordinaria di autodisciplina e di responsabilità, e che tuteleremo fino in fondo sul piano sanitario e su quello sociale”.

Nessun passo indietro invece sulle linee adottate nei giorni scorsi, tra cui proprio il coprifuoco: “continueremo a seguire la nostra linea di rigore, senza cambiare di una virgola, come è nostro dovere fare”.

Infine garantire sicurezza economica ai cittadini, con la proposta di un incontro con i vertici del Governo: “mettere a punto immediatamente un piano di sostegno socio-economico per le categorie produttive e per le famiglie.

Questo sostegno costituisce una priorità assoluta, al pari delle misure sanitarie, come abbiamo fatto in Campania con un piano economico e sociale scattato contestualmente alle misure restrittive.

Da oggi non accetteremo ritardi e interlocuzioni se non si affronta da subito il tema sociale. Sollecitiamo un incontro ad horas con il governo su questi punti”.

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar