Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :
adimage

Anche Salerno ricorda Maradona, luci accese allo Stadio Arechi

img
/
/
/

Tempo di Lettura: 2 minuti

Anche la città di Salerno ha ieri ricordato la leggenda del calcio, argentina di nascita, ma napoletana di adozione Diego Armando Maradona, morto nella giornata di ieri a causa di un arresto cardio-respiratorio, all’età di 60 anni.

Un uomo il cui nome lo precedeva, apprezzato (ed invidiato) anche a qualche chilometro di distanza dalla sua amata Napoli. La città di Salerno ha conosciuto ed ammirato El Pibe de Oro fin dalla prima partita, giocata con indosso la maglia azzurra, in quel campo di calcio che sembrava la sua vera casa. Proprio per questo, l’assessore allo Sport del Comune di Salerno, Angelo Caramanno ha simbolicamente acceso le luci dello Stadio Arechi. L’omaggio ad un uomo che aveva onorato ogni prato verde su cui aveva messo piede, sia come protagonista, che come allenatore.

Un gesto per ricordare “un genio del calcio, un mito d’oggi, un’icona pop entrato nella storia. Stasera ricordiamo il calciatore, la leggenda. È stato un fenomeno sociologico, un personaggio amato da tutti, al di là della maglia che indossava“.

Non ci sono parole per esprimere il dolore che tutta la comunità calcistica e non solo sta vivendo adesso. Lo si può solo ricordare così, con un pallone tra i piedi e le luci di uno stadio accese sul suo sorriso.

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar