Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :

Coronavirus in Italia: calano i nuovi positivi nelle ultime 24 ore

Home / News / Emergenza Coronavirus / Coronavirus in Italia: calano i nuovi positivi nelle ultime 24 ore
img
/
/
/

Tempo di Lettura: 2 minuti

Sono 13.908 i nuovi casi di coronavirus in Italia (ieri erano +15.146, qui il bollettino). Sale così ad almeno 2.697.296 il numero di persone che hanno contratto il virus Sars-CoV-2 (compresi guariti e morti) dall’inizio dell’epidemia. I decessi odierni sono 316 (ieri erano +391), per un totale di 93.045 vittime da febbraio 2020. Mentre le persone guarite o dimesse sono 2.202.077 complessivamente: 16.422 quelle uscite oggi dall’incubo Covid (ieri +19.838). E gli attuali positivi, i soggetti che hanno il virus, risultano essere in tutto 402.174, pari a -2.845 rispetto a ieri (-5.092 il giorno prima). La flessione degli attuali positivi, con il segno meno davanti, è generata dal fatto che i guariti, sommati ai decessi, sono in numero maggiore rispetto ai nuovi casi. Questa flessione va avanti ininterrottamente dal 25 gennaio.

I tamponi totali (molecolari e antigenici) sono stati 305.619, ovvero 13.086 in più rispetto a ieri quando erano stati 292.533. Mentre il tasso di positività è 4,5% (l’approssimazione di 4,550%): vuol dire che su 100 tamponi eseguiti più di 4 sono risultati positivi; ieri era 5,2%.
Dal 15 gennaio questa percentuale casi/tamponi è calcolata contando anche i test rapidi, di conseguenza è più bassa rispetto a quella dei bollettini precedenti al 15 gennaio e non è possibile fare confronti con lo storico. 

Meno contagi in 24 ore rispetto a ieri. I nuovi casi sono comunque in quantità elevate, impossibili da tracciare. Bene il rapporto di casi su tamponi che scende al 4,5% dal 5,2% di ieri, ma grazie a un numero alto di analisi processate, oltre 300 mila i test fatti per la seconda volta da quando sono stati introdotti i test rapidi (il record di 310 mila è datato 10 febbraio). 

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar