Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :

Elezioni amministrative 2021 ad Eboli: il sondaggio e l’indice di gradimento

Home / News / Campania / Elezioni amministrative 2021 ad Eboli: il sondaggio e l’indice di gradimento
/
/
/

Tempo di Lettura: 4 minuti

EBOLI. L’Istituto di ricerche di mercato Focus Marketing (associato ESOMAR e MSPA), incaricata dalla società Postilla, ha condotto un’analisi di scenario nelle due città salernitane per sondare le espressioni di gradimento verso i possibili candidati alla carica di primo cittadino.

Condotti su un campione standard di 1000 persone tra l’1 ed il 5 marzo, i due sondaggi rivelano un comportamento disomogeneo tra le due città: mentre i dati di Battipaglia si muovono nel segno della continuità, è ad Eboli che la partita si gioca su un terreno più articolato.

Nella città di Eboli, contrariamente a Battipaglia, la situazione sembra essere invece maggiormente combattuta. È netta la preferenza per lo schieramento riconducibile ai candidati che storicamente sono vicini all’area di centro sinistra (al 65,6%) rispetto a quello dei candidati riconducibile all’area di centro destra (31,2%).

È Salvatore Marisei a registrare le maggiori espressioni di gradimento (19,4%), seguito da Cosimo Pio Di Benedetto, vice sindaco della prima giunta Cariello (16,4%) e Damiano Cardiello, candidato sindaco nel 2015 (9,8%), da Giancarlo Presutto ed Antonio Cuomo (entrambi con circa l’8%) e, a chiudere, da Damiano Capaccio (5%), Mario Conte (4,0%) e Luca Sgroia (3,8%). Meno rilevante, ma comunque non trascurabile, la percentuale di intervistati che non individua alcun profilo adatto alla guida della coalizione o preferisce non rispondere (25,2%).

Nell’area di centro-sinistra, a fronte di un elettorato fortemente frammentato, i dati raccolti dall’Istituto di ricerche di mercato Focus Marketing rivelano un gradimento di Salvatore Marisei particolarmente significativo nei cittadini di età compresa tra i 30 e 39 anni (44,6%) e tra i 40 e 49 (35,7%). L’ex consigliere cede il passo solo nella fascia di giovanissimi (18-29 anni) dove è l’ex vice-sindaco Luca Sgroia ad ottenere la percentuale maggiore, pari al 23,1%.

Più omogenei, invece, i risultati dello schieramento opposto dove, al contrario, il gradimento registrato da Cosimo Pio Di Benedetto appare pressoché uniforme nelle diverse fasce d’età, ad eccezione di quelle comprese tra i 18 e i 29 anni (85,3%) e dai 30 ai 39 anni (40%) dov’è Damiano Cardiello ad essere in vantaggio.

Anche in questo caso, comunque, è interessante indagare la correlazione tra popolarità e gradimento dei candidati, analizzando le possibili cause di una più frequente espressione di preferenza da parte dei soggetti intervistati.

Come precedentemente notato, è Salvatore Marisei, già consigliere e candidato a sindaco alle amministrative del 2015, a riscuotere le maggiori espressioni di gradimento, specie nelle fasce di età vicino alla sua.

Presutto, consigliere di maggioranza con Cariello, può forse spiegare il buon gradimento tra gli over 65 perché figlio di Elio Presutto storico sindaco della città di Eboli.

Buon riscontro di Luca Sgroia, vice sindaco dell’ultima giunta Cariello, tra le fasce dei giovanissimi (18-29 anni), riconducibile, probabilmente, al seguito avuto dalla lista Eboli A Testa Alta presentata alle elezioni amministrative del 2020, collettore di alcuni volti nuovi della politica cittadina ebolitana.

Ne risente, invece, Mario Conte il cui grado di popolarità, nonostante il cognome altisonante e l’esperienza come Presidente del Consiglio nella prima giunta Melchionda, non può essere ritenuto comparabile a quello dei suoi avversari, perché distante negli ultimi anni dalle dinamiche politiche del territorio.

Sorprendere, invece, il risultato di Antonio Cuomo, già candidato alla carica di sindaco e diverse volte parlamentare, che, nonostante la diffusa popolarità, mostra un’inattesa incapacità nel tradurre la sua ampia notorietà in gradimento.

Non si tratta di indicazioni di voto – chiarisce Roberto Porciello CEO e analista di Focus Marketing – quanto di gradimento nei confronti di alcuni nomi, qualcuno ancora non ufficializzato, ma noti nelle dinamiche politiche di città che potrebbero presentare la propria candidatura nelle prossime settimane“.

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar