Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :

Campagna di screening a Battipaglia: l’appello di CivicaMente al comune

Home / News / Campania / Campagna di screening a Battipaglia: l’appello di CivicaMente al comune
/
/
/

Tempo di Lettura: 2 minuti

BATTIPAGLIA. La città di Battipaglia è ormai nel pieno della campagna tamponi, ma sono già state riscontrate delle difficoltà logistiche: la sede USCA risulta attualmente satura, sono già state proposte diverse possibilità di ampliamento.

Civica Mente fa un appello ulteriore alla città, rivolgendosi, dapprima, al personale medico in quiescenza: «Per un potenziamento sistematico della campagna di screening, chiediamo a tutti i medici in pensione, agli specializzandi in medicina e a tutto il personale sanitario competente in inattività di mettersi a disposizione della comunità, per affiancare l’USCA in questo momento difficile.»

Poi, Civica Mente rivolge l’invito al sindaco, Dott.ssa Cecilia Francese: «Ad iniziare questo movimento potrebbe essere il primo cittadino Cecilia Francese, medico di professione, così da rappresentare un esempio per tutti i suoi colleghi e invitarli alla sua stessa azione».

Civica Mente rivolge, infine, un appello anche a tutti gli esponenti del Terzo Settore «Chiediamo, inoltre, ai a tutti gli enti cittadini del Terzo Settore di mettere a disposizione le strutture in loro possesso per ospitare la campagna di controllo».

«Vorremmo dar vita a un movimento di forte umanità e di cooperazione – conclude Civica Mente – Ci rivolgiamo a tutti i professionisti del settore sanitario in quiescenza e al Terzo Settore cittadino perché impegnino le loro competenze e le loro strutture per aiutare la comunità battipagliese in un momento di necessità così stringente».

Inoltre, la stessa associazione mette così a disposizione anche la propria sede per tali finalità. Civica Mente auspica che tali richieste vengano accolte, così da poter vedere sul proprio territorio quella sinergia che in altre zone d’Italia è realtà, come per le ACLI a livello nazionale, o l’esempio dell’ARCI in Toscana.

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar