Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :

Capaccio Paestum, questione reflui zootecnici: tavolo tecnico per trovare soluzioni

Home / News / Campania / Capaccio Paestum, questione reflui zootecnici: tavolo tecnico per trovare soluzioni
img
/
/
/

Tempo di Lettura: 2 minuti

CAPACCIO PAESTUM. Si è tenuto nell’aula consiliare del Comune di Capaccio Paestum, un tavolo tecnico per reinterpretare le soluzioni zootecniche ottimali per garantire l’abbattimento del carico inquinante presente nei reflui. All’incontro – alla presenza del sindaco Franco Alfieri, dell’assessore all’Ambiente e alle Politiche Agricole, Ettore Bellelli, e dell’assessore alle Attività produttive, Gianfranco Masiello – hanno preso parte esperti della materia e delle parti interessate.

«Vogliamo affrontare e risolvere il tema dei reflui zootecnici in maniera definitiva ed equilibrata – dichiara il sindaco Alfieri – Sappiamo bene che si tratta di un problema complesso, finora mai affrontato con decisione e determinazione. Noi, invece, abbiamo posto la questione come prioritaria nel nostro programma.

Abbiamo riunito in un tavolo tecnico esperti della materia perché vogliamo che elaborino una soluzione per lo smaltimento dei reflui che contempli gli interessi di tutti: quelli di agricoltori e allevatori, ai quali non vogliamo solo porre veti ma offrire soluzioni, e quelli di una città turistica quale è Capaccio Paestum. Insomma – conclude – siamo alla ricerca di una soluzione che faccia coesistere la zootecnica con il turismo e il rispetto dell’ambiente».

Tra i presenti al tavolo: il professore emerito Luigi Zicarelli; i professori Giuseppe Campanile e Gianluca Neglia del dipartimento di Medicina veterinaria dell’Università Federico II di Napoli; i professori Salvatore Faugno e Stefania Pindozzi del dipartimento di Agraria dell’Università Federico II di Napoli; il professor Corrado Pacelli dell’Università degli Studi della Basilicata. Presenti anche rappresentanti dell’Asl Salerno, del Consorzio di tutela mozzarella di bufala campana, del Consorzio di bonifica Sinistra Sele.

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar