Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :

Cava de’Tirreni: 16enne rapina una farmacia e poi si reca a scuola, arrestato dagli agenti

img
/
/
/

Tempo di Lettura: 2 minuti

Cava de’Tirreni. Questa mattina la farmacia situata nel Parco Beethoven, è stata rapinata da un sedicenne. L’episodio è accaduto alle 9, quando il giovane, nascondendosi il volto con un cappuccio e la mascherina, ha fatto irruzione nella farmacia. Armato di coltello, ha fatto svuotare la cassa del negozio, dandosi poi alla fuga.

Dopo il colpo, il ragazzo si è recato a scuola, come non avesse compiuto nessun gesto illecito. Lo studente dell’Istituto superiore “Della Corte – Vanvitelli”, è stato poi tratto in arresto poco dopo dagli agenti della Pubblica Sicurezza di corso Palatucci. Collaboranti anche i Carabinieri. La cattura del ragazzo sarebbe stata possibile grazie alle telecamere di videosorveglianza della farmacia e quelle della scuola. Tramite i video è stato infatti possibile individuare velocemente il ragazzo, condotto in commissariato e segnalato all’Autorità Giudiziaria per le formalità di rito.

La dirigente dell’Istituto, Franca Masi si è espressa sull’accaduto: “Se avete un problema, la nostra porta è sempre aperta. Parlate con un adulto. Lavoriamo tanto sulla legalità e dispiace che un episodio del genere si sia verificato” ha dichiarato la Preside. “C’è rammarico ovviamente, ma da ogni situazione bisogna trarne tutti i benefici possibili. Dopo l’accaduto ho parlato con gli alunni e ho spiegato loro come questo episodio debba servire da esempio. Ho chiesto a chi lo conosce e a chi gli è amico di stargli vicino in un momento sicuramente difficile, come farà ovviamente la scuola alla luce di quelle che saranno le disposizioni dell’autorità.

“Ai miei studenti voglio ribadire che la nostra porta è sempre aperta per ascoltare i loro problemi. Per ogni situazione che li preoccupa, familiare o personale, è importante che chiedano aiuto ad un adulto. C’è sempre una soluzione, anche per i problemi più difficili. L’importante è confrontarsi e affrontarli insieme” ha concluso la Masi.

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar