Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :
adimage

“Nuova visione della fascia costiera”: Alfieri a Battipaglia per il Masterplan insieme al candidato Visconti

img
/
/
/

Tempo di Lettura: 3 minuti

BATTIPAGLIA. «Una nuova visione della fascia costiera. Ripartire dalla tutela ambientale per invertire la rotta degli ultimi anni» si sono espressi così ieri sera, al lido “La Bussola” di Battipaglia, il primo cittadino di Capaccio-Paestum, Franco Alfieri, e il candidato a sindaco per la coalizione di centrosinistra Antonio Visconti.

Un aperitivo a mare che è stata l’occasione per toccare argomenti delicati come il “Masterplan”, la depurazione, la riqualificazione della litoranea e la tutela dell’ambiente. «Abbiamo davanti a noi un’occasione importante – commenta Alfieri – per trasformare l’intero litorale. E si può cominciare dalle cose più semplici: come il piano di assestamento forestale, la depurazione delle acque e la pulizia ordinaria. Ma tutto ciò necessita di una classe dirigente capace e coraggiosa di accettare la sfida. A Capaccio abbiamo appena inaugurato un km di lungomare laddove c’era solo abbandono e degrado. Il “Masterplan” sarà la soluzione alla rigenerazione ambientale e paesaggistica di tutto il litorale a Sud di Salerno. Con Antonio Visconti c’è l’occasione giusta perché è una persona competente e concreta, in linea con un disegno politico coerente. La scelta del sindaco non è una scelta indifferente».

Aspirante alla fascia tricolore per le prossime elezioni amministrative, anche Antonio Visconti è intervenuto sull’argomento: «Con immenso piacere ho incontrato Alfieri – aggiunge Visconti – responsabile per la Regione Campania del “Masterplan”. Che è qualcosa di più d’una semplice riqualificazione: è la costruzione di un sistema ambientale, turistico, urbanistico, sociale e ricettivo di una delle fasce litoranee più belle e forse più dimenticate d’Italia. Congiungere due gioielli come la costiera amalfitana e quella cilentana, a ridosso dell’aeroporto e delle stazioni dell’alta velocità, riteniamo sia la precondizione per far risorgere il settore e riqualificarlo. Ormai da 13 anni consecutivi pende il divieto di balneazione sulla nostra costa e non è accettabile: sarà nostro compito restituire un ambiente sano e fruibile. E Alfieri ci ha dimostrato che, volendo, le cose si possono realizzare. Per questo l’impegno della prossima amministrazione sia quello di ripartire dalla riqualificazione ambientale, considerando il generale scollamento e l’assenza dell’amministrazione negli ultimi anni».

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar