Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :
adimage

Baronissi, finanziamento di 271 milioni per tirocini all’estero: il programma Erasmus

img
/
/
/

Tempo di Lettura: 2 minuti

BARONISSI. Approvato per 271mila euro il progetto PRO.CO.DE.3 Erasmus, presentato dal Comune di Baronissi lo scorso maggio. L’Agenzia Nazionale INAPP ha dato l’ok al progetto di mobilità transnazionale che consentirà a trenta giovani neodiplomati del territorio di seguire tirocini in aziende estere per migliorare le loro competenze tecnico professionali.

Il Comune di Baronissi ha già sperimentato con successo, nell’ultimo triennio, il progetto Erasmus, dando la possibilità a 48 giovani di lavorare in aziende europee.

“E’ un’esperienza importante per i giovani partecipanti – spiega il sindaco Gianfranco Valiante – perché offre loro la possibilità di acquisire competenze trasversali per la crescita personale e professionale. E’ importante anche per la nostra comunità locale perché offre un taglio internazionale e dà la possibilità a tanti giovani del territorio di avviarsi al mondo del lavoro in un contesto europeo, dopo gli studi tecnici”.

“Il Comune – rivela l’assessore alle politiche giovanili Anna Petta – sta per presentare, sempre nell’ambito del programma, la propria candidatura per ottenere l’accreditamento Erasmus. Ciò consentirà di gestire progetti di mobilità trasnazionale per i prossimi sette anni. Progetti di ampio respiro come questi, offrono ai nostri giovani diplomandi la grande opportunità di confrontarsi con il mondo del lavoro, accrescendo così il proprio bagaglio culturale e di vita”. L’esperienza all’estero è totalmente finanziata: il programma copre i costi di viaggio, vitto, alloggio, assicurazione e tutoraggio per i partecipanti. L’esperienza di tirocinio consentirà ai partecipanti di acquisire conoscenze, abilità e competenze riconducibili ai profili professionali coerenti con i settori produttivi e gli indirizzi di studio individuati, in particolare: tecnico, elettronica, informatica e trasporti.

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar