Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :
adimage

Bellizzi, la tragica morte dell’operaio 57enne: la rabbia dei sindacati

img
/
/
/

Tempo di Lettura: 1 minuto

BELLIZZI. “L’ennesima morte sul lavoro in provincia di Salerno conferma – ancora una volta – l’impossibilità degli organi di controllo a bloccare questo fenomeno. Il prefetto Francesco Russo continua a fare tavole rotonde sul tema, ma cosa è cambiato? Nulla. Dall’inizio di questo 2021 le morti bianche ormai non si contano più. Sta diventando una mattanza”.

Così Gigi Vicinanza, componente della segreteria nazionale della Cisal Metalmeccanici, commenta la tragedia di Bellizzi. “Dove sono i controlli assicurati dalla Prefettura? Non ci sono. Il problema è sempre lo stesso: non c’è il personale per farlo, per coprire una provincia così vasta come quella salernitana. Non si può continuare a morire di lavoro in provincia di Salerno. Ma questo alle istituzioni forse non interessa”.

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar