Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :
adimage

Eboli, efficientamento energetico: il piano approvato dalla giunta comunale

/
/
/

Tempo di Lettura: 2 minuti

EBOLI. Un progetto per l’efficientamento energetico, l’ammodernamento tecnologico e impiantistico dell’isola ecologica comunale. E’ quanto ha approvato oggi pomeriggio la Giunta comunale, avvalendosi della possibilità di partecipare all’avviso del Mite (M2C.1.1 I 1.1) con il quale, nell’ambito del PNRR, il Ministero della Transizione ecologica ha avviato la misura relativa alla linea di intervento A. In particolare in assenza dell’attivazione degli ambiti ottimali, ancora non operativi, il Ministero ha precisato che la progettazione ed il relativo finanziamento può essere richiesto dai Comuni e questi possono, a loro volta, affidare la progettazione esecutiva alle società incaricate della gestione.

Naturalmente la Giunta, pur avvalendosi della possibilità di delega alla Sarim, la ditta che gestisce il piano integrato dei rifiuti, fornirà precisi indirizzi sul progetto da candidare a finanziamento. In particolare l’amministrazione comunale intende rendere più efficiente l’isola ecologica, avvalendosi della possibilità di ammodernamento degli impianti esistenti. Per quanto riguarda l’efficientamento verranno previsti pannelli fotovoltaici, per la tecnologia, invece, si realizzeranno press container, un nuovo impianto elettrico e cassoni. La delega alla Sarim non comporterà alcun costo per l’ente comunale. Il finanziamento, se verrà ottenuto, sarà in ogni caso destinato al Comune.

Per la Linea d’intervento A il finanziamento massimo erogabile per ciascuna proposta è di € 1.000.000,00 (un milione di euro).

Nello specifico, la misura citata consente di colmare i divari di gestione dei rifiuti relativi alla capacità impiantistica e agli standard qualitativi esistenti tra le diverse Regioni e aree del territorio nazionale, con l’obiettivo di recuperare i ritardi per raggiungere gli attuali e nuovi obiettivi previsti dalla normativa europea e nazionale.

Attraverso le misure programmate per promuovere una gestione sostenibile dei rifiuti, sarà possibile perseguire gli obiettivi previsti nel Piano d’Azione per l’Economia Circolare varato dall’UE e contribuire alla transizione verde, creando altresì nuovi posti di lavoro.

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar