Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :
adimage

La “statale da incubo”: lavori in corso per l’istallazione di autovelox sulla SS19 tra Battipaglia ed Eboli

img
/
/
/

Tempo di Lettura: 3 minuti

Nel corso degli ultimi anni , il tratto viario della S.S. 19 delle Calabrie che collega il Comune di Battipaglia al Comune di Eboli, è risultato drammaticamente teatro notorio di sinistri stradali con esito mortale.

Premesso che l’incidentalità stradale è un fenomeno complesso e multidimensionale e su di esso agiscono fattori strutturali quali l’assetto delle strade e dei veicoli, fattori umani dovuti alle condizioni fisiche e psicologiche di chi si mette alla guida , ma anche culturale, legate quindi alle visioni sociali condivise circa i comportamenti alla guida. Quindi, le problematiche da affrontare in tema di incidentalità stradale sono tuttavia molto complesse, di tipo multisettoriale e multidisciplinare, infatti, le politiche volte a migliorare la sicurezza stradale, non possono non tener conto anche delle politiche in materia di ricerca, innovazione e tecnologia.

Nell’affrontare la tematica preminente, orbene, l’asse stradale della S.S. 19 di competenza territoriale di questo Ente risulta avere un tratto viario esiguo che termina al Km 3+VI, rientrando di fatto nella nomenclatura ex art. 2 lett. C) del D.L.vo n.285/92 di “Strada extraurbana secondaria”. Le caratteristiche costruttive, tecniche e funzionali di detto asse viario, non lasciano dubbi in termini di inadeguatezza di contro il C.d.S. recita testualmente :“strada ad unica carreggiata con almeno una corsia per senso di marcia e banchine”, nel caso di specie detto tratto viario risulta privo di banchine, le condizioni del piano viabile risultano precarie, tasso di incidentalità e traffico sono notevoli. Tuttavia, nell’ottica di continuare a lavorare in maniera coordinata su tutti i fronti, al fine di raggiungere livelli di sicurezza sempre più elevati e di evitare il verificarsi di sinistri mortali come quello verificatosi nell’anno 2021 nel Comune limitrofo di Eboli (SA), è auspicabile previa autorizzazione dell’ ill.mo Prefetto di Salerno di concerto con l’Ente proprietario della Strada, la previsione dell’installazione di apparecchiature automatiche per il rilevamento della velocità, senza obbligo di contestazione immediata al conducente previsto dal D.L. 20 GIUGNO 2002, n.121, art.4 anche se come è noto, il sistema delineato dal C.d.S., è improntato sulla regola della contestazione immediata delle infrazioni, ammettendo la contestazione differita esclusivamente quando la strada abbia caratteristiche tecniche che rendono pericoloso ordinare l’arresto del mezzo per effettuare la contestazione immediata come nel contesto in questione, ove giocano diversi fattori innanzi novellati : tasso di incidentalità, traffico, condizioni strutturali del piano viabile e non da ultime quelle afferenti la salvaguardia della sicurezza degli organi di Polizia Stradale nell’effettuazione degli accertamenti.

Per facta concludentia, si rappresenta ulteriormente che nel tratto di competenza di questo Ente, insistono all’incirca al Km 2, diverse abitazioni nella strada denominata via Bachelet, rimarcando quindi la presenza anche di un accesso laterale e quindi anche d’ immissione sulla S.S. 19. che comporta tangibile impatto in termini di sicurezza di pedoni residenti e quindi in termini di incidentalità. Pertanto in sinergia con il Comune di Eboli, si chiede la possibilità di valutare, alla luce degli elementi fin qui descritti, l’installazione nei due Comuni di riferimento delle relative apparecchiature.

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar