Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :
adimage

Confesercenti sui ristori di Terna: “alle piccole imprese e famiglie di Eboli”

/
/
/

Tempo di Lettura: 2 minuti

EBOLI. Continua l’escalation di microcriminalità sul territorio ebolitano. Gli episodi susseguitisi negli ultimi mesi avevano già alzato l’allarme, con una prima richiesta da parte dell’amministrazione guidata dal sindaco Mario Conte nei confronti della Prefettura di Salerno di potenziare le forze dell’ordine sul territorio. Non solo, per zone “calde” come la nota Litoranea si era pensato addirittura all’arrivo dell’esercito che, tramite l’operazione “Strade sicure”, avrebbe fatto da ulteriore deterrente a fenomeni come furti, spaccio e prostituzione.

Questo, insieme all’istallazione di nuovi occhi elettronici in diverse aree ad hoc, creerebbe una rete di contrasto che, insieme al lavoro svolto quotidianamente dalle forze dell’ordine, potrebbe arginare l’ondata di microcriminalità che da diversi mesi ha colpito sia il centro urbano che le periferie. Ma l’escalation non si è fermata, così il primo cittadino ebolitano si rivolge nuovamente al Prefetto di Salerno, Francesco Russo. «A Sua Eccellenza verrà presentata una dettagliata relazione sugli episodi verificatisi nel territorio comunale negli ultimi mesi, a supporto della richiesta di interventi urgenti e non più differibili.

Alla relazione si allegherà anche la petizione dei cittadini delle zone periferiche che chiedono un rafforzamento delle Forze dell’Ordine, nonché la deliberazione di Consiglio Comunale del 21 dicembre 2021, con la quale si chiede di incrementare l’organico delle forze dell’ordine, porre in essere sul territorio comunale il progetto “Operazione Strade sicure”, di avviare pattugliamenti interforze soprattutto in litoranea, di chiedere al Ministero dell’Interno di istituire un distaccamento del reparto prevenzione crimine per la zona a sud di Salerno la cui sede il Comune offre già in disponibilità».

Insomma quando deciso dal parlamentino ebolitano lo scorso anno non è più rinviabile, e l’intenzione è quella di accelerare i tempi per dare una boccata d’aria e ripristinare il senso di sicurezza tra la popolazione.

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar