Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :
adimage

Battipaglia esclusa dalla graduatoria per fondi videosorveglianza, Mirra: “governo della città affrontato con faciloneria”

img
/
/
/

Tempo di Lettura: 2 minuti

BATTIPAGLIA. Riportiamo integralmente la nota stampa del capogruppo di CivicaMente, Maurizio Mirra, in merito all’esclusione di Battipaglia dalla graduatoria dei comuni che hanno avuto accesso ai fondi per il potenziamento della videosorveglianza.

“Con un tempismo che appare quasi una beffa, alla luce dei risultati e dei recenti fatti di cronaca cittadina, il ministro dell’Interno ha firmato il decreto che approva la graduatoria per l’anno 2021 dei Comuni ammessi al finanziamento statale per la realizzazione di sistemi di videosorveglianza urbana. Il contributo statale è diretto a sostenere gli oneri sopportati dalle amministrazioni municipali per l’installazione dei sistemi previsti nell’ambito dei Patti per la sicurezza urbana sottoscritti tra i prefetti e i sindaci. Sulla base dei fondi stanziati per l’anno 2021, pari a 27 milioni di euro, i progetti che godranno del contributo sono 416.

Tra questi non c’è Battipaglia, relegata al posto 1516, a causa di un basso punteggio attribuito per la poco rilevante quota di cofinanziamento messa a disposizione del comune.

Ma, oltre questa notizia, ciò che ci ha lasciato maggiormente perplessi è un parametro indicato come “incidenza della criminalità” che, per la nostra città, è stato valutata “elevatissima”. Valutazione che contrasta con le recenti dichiarazioni del sindaco, nelle quali è stato affermato che i precedenti contributi legati al PON sicurezza non siano stati assegnati a Battipaglia a causa del basso indice di criminalità.

Questi sono i fatti. Siamo rammaricati per la solita faciloneria con cui viene affrontato il governo di una città grande e complessa. Si agisce senza una pianificazione, sotto la spinta dell’emergenza con il solo risultato di non risolvere i problemi in maniera seria e strutturale. Non bisogna nascondersi dietro ad un dito. Le relazioni degli organi inquirenti parlano chiaro in merito ai fenomeni criminali presenti nelle nostre terre”.

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar