Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :
adimage

Estorsione, usura ed esercizio abusivo: a Cava sequestrati beni per 1 milione di euro

/
/
/

Tempo di Lettura: 2 minuti

CAVA DE’ TIRRENI. La Direzione Investigativa Antimafia ha dato esecuzione ad un decreto di sequestro di prevenzione emesso dalla Sezione Riesame e Misure di Prevenzione del Tribunale di Salerno su richiesta della Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia e della Direzione Investigativa Antimafia, avente ad oggetto beni mobili del valore di oltre 1 milione di euro, riconducibili a Ferrara Gennaro di Cava de’ Tirreni.

L’esecuzione del provvedimento rappresenta l’epilogo della complessa attività d’indagine svolta dalla sezione DIA di Salerno finalizzata alla ricostruzione del profilo di pericolosità sociale del “proposto” e dell’individuazione degli asset patrimoniali e finanziari riconducibili al medesimo ed i componenti del suo nucleo familiare.

Il Tribunale – sezione Misure di Prevenzione – ha ritenuto, in via cautelare, accertata la pericolosità del “proposto” anche in relazione al suo coinvolgimento in articolate indagini che appaiono ricollegarlo al “clan” Bisogno, già operante a Cava de’ Tirreni. Il Ferrara è stato condannato con sentenza irrevocabile per il delitto di cui all’art. 416 bis c.p. ed è stato recentemente sottoposto ad una ordinanza cautelare e ad un sequestro preventivo di quote societarie di due aziende intestate a vari familiari, all’esito di indagini per i reati di estorsione, usura, trasferimento fraudolento di valori ed esercizio abusivo di attività finanziarie e, sulla base degli esiti di indagini patrimoniali svolte dalla DIA, su delega della Direzione Distrettuale Antimafia, hanno permesso di ipotizzare una sproporzione tra il patrimonio e la capacità reddituale del proposto e dei suoi familiari.

Il provvedimento di sequestro ha interessato svariate attività commerciali nei settori alimentari e della distribuzione di carburanti insistenti nel comune di Cava de’ Tirreni: “TM DISTRIBUTORI di TARULLI Maria e C. S.a.s.”, “BAR SPORTIVO HAPPY DAYS 2 di Giuseppe FERRARA e & C. S.a.s.”, “PECCATI DI GOLA di FERRARA Jessica e C. S.a.s.”, “Ditta Individuale TARULLI Maria”, “HAPPY DAYS 2 ARCARA S.R.L.”, nonché rapporti finanziari, beni mobili registrati per un valore complessivo oltre 1 milione di euro.

(comunicato stampa DIA)

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar