Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :
adimage

“Refugees Welcome Italia” arriva anche a Salerno: 40 famiglie pronte all’accoglienza

/
/
/

Tempo di Lettura: 3 minuti

SALERNO. Arriva anche a Salerno la rete di Refugees Welcome Italia (RWI), l’associazione che promuove su tutto il territorio nazionale l’accoglienza in famiglia e il Mentoring di persone rifugiate o con altra forma di protezione. RWI è parte di un network europeo nato a Berlino nel 2014 e poi diffusosi in 14 paesi del mondo.

Il funzionamento è semplice: tutte le persone – famiglie, pensionati, single, studenti – che hanno a disposizione una camera libera e desiderano utilizzarla per ospitare una persona rifugiata, o che hanno del tempo da dedicare all’accoglienza possono registrarsi sul sito www.refugees-welcome.it. Sulla stessa piattaforma, si iscrivono i rifugiati che hanno bisogno di ospitalità e supporto. Sono poi i gruppi locali dell’associazione ad occuparsi di individuare l’abbinamento migliore, agevolando l’incontro fra la domanda e l’offerta di ospitalità e mentoring.

In particolare, Refugees Welcome Italia si occupa di tutti quelle persone in uscita dai tradizionali percorsi di accoglienza (Centri SAI) e che ancora non sono completamente indipendenti. L’associazione è inoltre attiva nelle emergenze, l’anno scorso per l’Afganistan, oggi per l’Ucraina. A Salerno e provincia, al momento, sono già circa 40 le famiglie che hanno già messo a disposizione la propria casa e il gruppo ha al suo attivo una prima accoglienza riuscita.

“Il gruppo territoriale di Salerno e provincia nasce a dicembre dello scorso anno e ad oggi ha già realizzato una prima accoglienza di una giovane mamma ucraina con sua figlia di 7 anni nel comune di Maiori, nell’accogliente comunità della Costiera Amalfitana. Grazie alla preziosa disponibilità ad ospitare di Paola e della volontaria facilitatrice Alessia, un’intera comunità si è attivata e Juliya, arrivata in Nord Italia a Marzo e desiderosa di riprendere la propria vita vicino al mare, ha scelto come sua destinazione Salerno all’inizio di Maggio e ora già lavora e sua figlia ha iniziato ad integrarsi con un primo campo estivo e a settembre inizierà la scuola” racconta Bianca Barone, responsabile del gruppo appena formatosi.

Il gruppo, ha iniziato a fare rete con diverse realtà dedicate all’accoglienza nel territorio e intende supportare il cambiamento culturale in corso, rafforzandolo, dell’apertura della propria intimità domestica per uno scambio di cittadinanza attiva. Per la sua giovane età, il gruppo inteso focalizzare i propri sforzi non già sull’emergenza, lasciando questo compito al più numeroso e storico gruppo di Napoli con il quale si coordina, ma alla gestione della relazione di fiducia che parte dalla comprensione profonda dei bisogni di ambo gli attori, ospitante e ospitato, famiglia e rigugiato/a, credendo nello specifico ruolo di supporto, affiancamento, mentoring per la facilitazione di un atto concreto di aiuto quale quello dell’accoglienza in famiglia.

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar