Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :
adimage

Battipaglia, consigliere di maggioranza arrestato per tentata concussione. Dem locali: “l’amministrazione proceda con cautela”

/
/
/

Tempo di Lettura: 2 minuti

BATTIPAGLIA. La notizia dell’arresto del consigliere di maggioranza, Francesco Falcone, ha scosso le sedie del parlamentino battipagliese. Arrivato come un fulmine a ciel sereno, le prime reazioni dal mondo della politica locale non si sono fatte aspettare. Tra la solidarietà da parte del sindaco, Cecilia Francese, e la richiesta di sospensione presentata invece da Fratelli d’Italia arriva anche il commento del Pd locale, diretto all’amministrazione.

“Il Partito Democratico di Battipaglia, appresa la notizia dell’arresto del consigliere comunale di maggioranza, Francesco Falcone, attende fiducioso lo sviluppo delle indagini, certi che il lavoro della Magistratura saprà far emergere la verità. Proprio perché ci troviamo in una fase preliminare, sarebbe prematuro esprimere qualsiasi tipo di giudizio. Non possiamo esimerci, però, dall’invitare la sindaca Cecilia Francese e l’amministrazione comunale tutta ad agire con cautela in merito alle prossime azioni da mettere in campo.

Oggi, in consiglio comunale ci si appresta a discutere e votare interventi cruciali per il futuro della città: dai 7- bis alla realizzazione di un distributore di carburante nel pieno centro urbano. E’ evidente che la portata e la rilevanza di questi temi obblighino l’Amministrazione alla massima trasparenza e al rispetto della legalità. In ultimo, prendiamo atto della richiesta di sospensione del Consigliere Falcone disposta dal coordinamento cittadino del partito a cui di recente ha aderito. Forse, proprio per la dichiarata solidarietà al Consigliere Falcone, ci saremmo aspettati che il suo partito – che si dice garantista – gli avrebbe lasciato almeno il tempo di chiarire la sua posizione o, quanto meno, avrebbe atteso che la misura cautelare fosse convalidata. Ma ci rendiamo conto che questo capita quando i percorsi si condividono per convenienza e non per convinzione”.

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar