Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :
adimage

Controlli serrati per contrastare l’errato conferimento dei rifiuti al centro di Salerno

/
/
/

Tempo di Lettura: 2 minuti

Nel corso della mattinata sono stati effettuati dei controlli serrati per contrastare il fenomeno dell’errato conferimento dei rifiuti. I controlli si sono concentrati nella parte terminale di Corso Vittorio Emanuele, in via Diaz, in piazza Vestuti, in altre strade del Carmine e del quartiere Torrione.

Al momento della raccolta, sui sacchi di rifiuti conferiti in modo errato gli addetti alla raccolta hanno apposto, così come previsto dal contratto di servizio sottoscritto da Salerno Pulita con il Comune di Salerno, gli adesivi con la dicitura “materiale non conforme”. Si è poi proceduto, alla presenza degli agenti della polizia municipale e dell’assessore comunale all’Ambiente , Massimiliano Natella, alle opportune verifiche per contestare l’errato conferimento agli eventuali responsabili.

“Devo dire che, con mia grande soddisfazione – ha commentato Vincenzo Bennet, amministratore unico di Salerno Pulita – i gestori delle attività commerciali coinvolte hanno provveduto a liberare il suolo pubblico e a rientrare i sacchi, per procedere alla differenziazione dei rifiuti, collaborando cosi al decoro della città”.

Le operazioni di accertamento con l’apertura delle buste, la ricerca di materiale utile per risalire ai responsabili e la successiva contestazione, hanno bisogno di tempo e portano ad un aggravio di lavoro gli agenti della polizia municipale, ma i risultati di questa intensa attività che va ormai avanti da diverse settimane iniziano a vedersi.

“La quantità di indifferenziato, che conferiamo a 180 euro a tonnellata all’impianto TMB di Battipaglia – ha aggiunto Bennet – è diminuito di oltre 100 tonnellate a settimana e parallelamente cominciano ad aumentare anche le quantità di organico e di materie prima seconde da avviare a riciclo, tra cui la plastica, l’alluminio e la carta. Siamo sulla buona strada e confidiamo sulla fattiva collaborazione di tutti”.

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar