Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :
adimage

Movida violenta, il questore di Salerno accoglie 30 nuovi agenti di Polizia

/
/
/

Tempo di Lettura: 2 minuti

Sono stati accolti dal Questore di Salerno – Dott. Giancarlo Conticchio – i poliziotti che il Dipartimento della Pubblica Sicurezza ha assegnato alla Questura nell’ambito di un piano di potenziamento degli organici.
Alcuni sono agenti già in servizio presso altre sedi, mentre altri sono agenti che hanno appena terminato il corso di formazione presso le Scuole di Polizia per Allievi Agenti e che inizieranno il proprio percorso professionale in questa provincia.


Gli operatori sono stati destinati in gran parte al potenziamento dell’attività di controllo del territorio, al fine di intensificare al massimo la prevenzione in chiave di ascolto del territorio.
Ciò in linea con gli intenti del Questore che ha da subito posto l’accento sull’importanza del tema dell’ascolto della cittadinanza e della necessità di fornire risposte efficaci ed incisive alla luce anche dei recenti fatti di cronaca relativi al fenomeno della cosiddetta “movida violenta”.


Episodi di violenza che non riguardano solo Salerno ma anche la provincia: è infatti di questo week end l’episodio occorso a Nocera Inferiore di una rissa tra giovanissime ragazze.
E risale a ieri la pronta risposta degli uomini del Commissariato di quella città che, guidati dal Dirigente- Vice Questore della Polizia di Stato Aniello Ingenito – sono riusciti ad identificare le protagoniste della rissa – tutte minorenni – e conducendo immediati accertamenti investigativi hanno denunciato le ragazze alla Procura della Repubblica per i minorenni di Salerno.


La vicenda – attenzionata dalla Procura della Repubblica per i Minorenni – sarà ulteriormente analizzata al fine di garantire maggiore sicurezza e partecipazione attiva alla vita sociale dei giovani, mettendo in campo incisive azioni sinergiche con quella stessa Procura.

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar