Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :
adimage

Fonderie Pisano, il sindaco di Baronissi sulla delocalizzazione: “accelerare al massimo i tempi”

/
/
/

Tempo di Lettura: 2 minuti

BARONISSI. “Adesso è necessario accelerare al massimo la delocalizzazione delle Fonderie Pisano. Il progetto presentato dalla proprietà è fortemente innovativo e sostenibile: dopo anni di rinvii, i tempi sono maturi. La Regione è intervenuta e auspichiamo che il cronoprogramma della delocalizzazione venga rispettato”. Così il sindaco di Baronissi Gianfranco Valiante commenta la futura delocalizzazione delle Fonderie Pisano, dopo che la proprietà ha presentato alla Regione Campania la documentazione necessaria per la valutazione d’impatto ambientale necessaria per la realizzazione del nuovo opificio industriale.

“L’auspicio è che vengano rispettati i tempi – sottolinea Valiante – e la successiva bonifica e riqualificazione dell’area. Il Comune di Baronissi non è competente sull’area in questione che insiste sul territorio di Salerno ma le problematiche legate al sito di Fratte si riverberano anche sulla nostra città, in particolare alle frazioni di Aiello e Acquamela”.

“La vicenda Fonderie Pisano va definita e in tempi brevi – fa eco l’assessore all’ambiente Alfonso Farina – forte e costante è la preoccupazione e numerose sono le segnalazioni anche sul territorio di Baronissi. La delocalizzazione in un’area adeguata da un lato salvaguarderà lavoratori e produzione e dall’altra la salute pubblica dei cittadini e l’ambiente”.

“Sicuramente la presentazione del progetto di delocalizzazione in Regione Campania è una buona notizia per tutta la Valle dell’Irno – sostiene la presidente della commissione consiliare ambiente Maria Chiara Barrella – è da tempo che anche il Comune di Baronissi segue la vicenda che da sempre divide e crea grande preoccupazione tra la popolazione. E’ il momento della svolta”.

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar