Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :
adimage

Minori, piccolo colpito da arresto cardiaco: il racconto dei soccorritori

/
/
/

Tempo di Lettura: 4 minuti

MINORI. Salvataggio in extremis, nella notte appena trascorsa, a Minori, in Costiera Amalfitana. Un bimbo di un mese è stato colpito da un arresto cardiocircolatorio, rischiando la vita. A soccorrere il piccolo, la Croce Bianca di Amalfi, e, in particolare, l’autista rianimatore Andrea Villaricca, il medico del 118 Ciro Senatore e l’infermiere rianimatore Riccardo Fratti. Toccante, la testimonianza di Villaricca che ha descritto anche a mezzo social la sua “notte straordinaria” con il lieto fine tanto sperato.

“Ore 02.16 squilla il telefono, la centrale operativa del 118 ci allerta per apnea e dispnea in un neonato di 1 mese di vita a Minori. – racconta l’autista rianimatore – Voliamo per la strada in pochi minuti siamo lì, nel tragitto si avverte un silenzio fatto di paura e tensione. Arrivati sul posto capiamo, che, nonostante, il bambino sia da poco ritornato da un nosocomio la situazione non è tranquilla. Il medico dell’equipaggio dell’ ambulanza dopo aver visitato il neonato e ascoltato la descrizione degli eventi dai genitori si mette in contatto con la centrale del 118 e si fa autorizzare per un trasporto in emergenza all’ospedale di Cava dei tirreni al reparto di pediatria. Con andamento sostenuto mi rimetto alla guida dell’ambulanza, cercando di trasmettere le minori sollecitazioni alla mamma seduta dietro,nel vano sanitario, con il piccolo tra le braccia. Arrivati all’altezza di Capo d’Orso l’ infermiere che monitorava il neonato ci chiede di fermarci perché il piccolo è in arresto respiratorio, il medico seduto aappena mi fermo insieme all’ infermiere eseguono una ventilazione polmonare al bimbo che dopo 3 minuti interminabili riprende a respirare. Nel frattempo le grida e le lacrime della mamma del piccolo straziano il cuore, fermo e pronto a ripartire al posto di guida attraverso la finestra intercomunicante con la zona sanitaria incontro lo sguardo della mamma piangente che chiama Dio e mi chiede aiuto. Osservo il medico e l’infermiere che tentano il tutto per salvare il piccolo e mi sento impotente, temo il peggio, ma poi un loro sorriso mi fa capire che il piccolo ha reagito e respira. Si riparte in volata, non so dire la velocità a cui spingevo l’ambulanza ho ancora il rumore del motore allo stremo nelle orecchie, guidavo e pregavo, forse pregavo più forte di come guidavo. Arriviamo a Vietri, proprio mentre la strada si fa più dritta e scorrevole percepisco un movimento alle mie spalle, è di nuovo l’infermiere che prende il piccolo tra le braccia e riparte con le manovre di respirazione, guardo la strada con un occhio e l’altro è puntato allo specchietto retrovisore per vedere cosa succede, capisco che la situazione è grave. L’infermiere inizia un massaggio cardiopolmonare, mi fermo il medico lo affianca e collabora. – continua Villaricca- Non mi volto riparto al massimo con le sirene spiegate, le preghiere si fanno più intense e supplichevoli, quei pochi km che ci dividono dall’ospedale sembrano infiniti, dietro avverto che si sta combattendo contro la morte, che sembra aver ormai vinto. Arrivo finalmente al pronto soccorso dell’ospedale di Cava dietro non si arrendono, si continua con il massaggio cardiaco, arriva il personale dell’ospedale ma il nostro infermiere non demorde e continua il massaggio cardiaco. Il cuore del piccolo riparte d’improvviso, sento aprire la porta, laterale, dell’ambulanza, mi volto e vedo l’infermiere dell’equipaggio di corsa. Tra le braccia il neonato, corre all’interno del pronto soccorso dove già tutti erano pronti per continuare la rianimazione. Il bambino riprende colorito e respirazione. Noi nascondiamo le lacrime dietro un sorriso. Io prima di fare una carezza al bimbo mi fermo un attimo per ringraziare Gesù. Un caffè per festeggiare e ci riavviamo all’ambulanza per rientrare in sede”, conclude l’autista rianimatore.

Anche nel viaggio di ritorno dei soccorritori, ha regnato il silenzio: “Ognuno stava pensando al vero senso della vita. La notte è continuata, la gioia di aver vinto contro la morte ci dà motivo e invita a continuare con passione e dedizione la nostra missione. Che bello ritrovarsi umani e ancora in grado di emozionarsi. Forse siamo ancora in tempo a salvare il mondo e noi stessi”, ha concluso Villaricca. Un sospiro di sollievo in una notte speciale, con gli occhi rivolti al Cielo.

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar