Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :
adimage

Eboli: contrae la setticemia in ospedale, ASL costretta a risarcire il paziente

/
/
/

Tempo di Lettura: 1 minuto

Il Tribunale di Salerno ha stabilito un risarcimento di 218mila euro a favore di un paziente che si infettò durante un intervento chirurgico per la protesi all’anca, contraendo la setticemia. Ad essere condannata al pagamento è l’Asl Salerno.

A causa di una coxartrosi destra dell’anca, l’uomo fu sottoposto ad un intervento per la protesi. Un intervento durante il quale emersero delle complicazione legate ad una insufficienza renale acuta e un arresto cardiaco post operatorio, oltre ad una setticemia che durò tre mesi.

Successivamente, fu sottoposto ad un nuovo intervento al fine di posizionare un distanziatore nell’anca.

L’infezione – secondo il giudice – sarebbe stata contratta nel corso della degenza presso l’ospedale di Eboli. Da qui è scaturita a decisione del risarcimento.

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar