Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :
adimage

Salerno, tragedia Alessandro Farina: scatta l’inchiesta sull’accaduto

/
/
/

Tempo di Lettura: 3 minuti

SALERNO. Tragedia al Ruggi di Salerno, quella che si pensava fosse una banale allergia ha invece causato la morte del 13enne Alessandro Farina. Il ricovero d’urgenza al nosocomio salernitano non è riuscito a salvare la vita del ragazzino. I genitori hanno sporto denuncia, adesso scatta l’inchiesta per fare luce sull’accaduto.

Prima dell’infarto fatale il 13enne era stato accompagnato al pronto soccorso dalla madre, che aveva detto ai medici di essere preoccupata per alcuni sintomi presentati dal figlio. Per i camici bianchi si tratta di una semplice allergia, e per questo gli somministrano dei farmaci al cortisone, presi dal piccolo anche nei giorni successivi. Poche ore, poi la dimissione.

A Natale però i sintomi si ripresentano, anzi sembrano peggiorare. Viene chiamato il 118, il 13enne viene sottoposto a diversi esami. I suoi valori a quanto pare erano alle stelle, c’è chi addirittura ha affermato che la glicemia fosse superiore a 1.200.

Alessandro è stato quindi sottoposto a dei trattamenti. I valori, nella giornata di martedì, sembravano essere rientrati. Poi qualcosa non va, ed il 13enne ha 3 infarti. L’ultimo nella giornata di ieri, quando però il suo cuore ha smesso di battere. Sgomento per familiari ed amici.

I genitori hanno sporto quindi denuncia per capire cosa sia accaduto. La salma è stata sequestrata, si attende l’esame autoptico. I funerali sembra si terranno nella giornata di sabato.

Nel frattempo la parrocchia di Capriglia su Facebook saluta Alessandro per l’ultima volta: «la nostra comunità si è svegliata con una notizia che ha lasciato tutti senza parole. Il piccolo Alessandro è volato tra gli angeli. Tanti progetti, una vita da vivere. Troppo pochi 12 anni. Errore umano… destino… siamo tutti sbigottiti e pietrificati dinanzi a una morte così prematura.

Ci stringiamo intorno alla sua addolorata famiglia e ai suoi cari, con la preghiera e il silenzio. La nostra Mamma delle Grazie dia pace e consolazione! Alessandro, continua a sorridere da lassù con quel tuo sguardo birichino e profondo. Aiuta i tuoi cari a trovare coraggio e forza. Il buon Dio aveva bisogno di te lassù. Riposa in pace, sii felice e gioca con gli angeli con la grinta che ti ha sempre caratterizzato. La vita è un respiro… poi eternamente Dio».

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar